Batman: Death by Design (Recensione)

Gotham City sta affrontando il più grande boom edilizio di sempre, ma cosa succede quando i cantieri in cui si stanno svolgendo i lavori vengono colpiti da una misteriosa raffica d’incidenti e fatalità?
Qualcosa sta minacciando l’industria edilizia di Gotham City e Batman sarà chiamato a scoprire chi si cela dietro tutto questo.

Sono tante le graphic novel dedicate al Cavaliere Oscuro. Alcune hanno il Joker come avversario, altre Catwoman, il Pinguino o Due Facce. In quasi tutte, però. la status della città non viene approfondito molto. In Death by Design non è così.
Gotham è in pieno boom edilizio ed architetti di tutto il mondo hanno progettato palazzi che sono in via di completamento. Batman è da poco in attività e, una sera, per testare un nuovo prototipo di rampino, va a fare visita alla Gotham Central Station. Quest’edificio sarà demolito ed il rampollo dei Wayne, mentre mette alla prova il suo nuovo giocattolo, si domanda se gli mancherà. Il mattone a cui era attaccato si stacca, provocandone la caduta quindi non avrà remore, il giorno dopo, alla conferenza indetta per la demolizione dell’edificio, a darne il via per la costruzione di una nuova stazione ferroviaria. Non termina neppure il suo discorso che una gigantesca gru precipita provocando un’immensa confusione.
Con questo preambolo, che trae ispirazione da eventi effettivamente accaduti (la demolizione della Pennsylvania Station nel 1963 ed il crollo di una gru nel 2008 in quel di Manhattan) il buon Chip Kidd, qui alla sua prima graphic novel come autore, mette su una storia incentrata suò tema dello sviluppo edilizio che non è stato probabilmente mai usato in un racconto che ha Batman per protagonista, evidenziandone i pro ed i contro. Ovviamente, essendo una storia sull’eroe di Gotham, non mancheranno quesiti da risolvere, scazzottate, finestre frantumate, damigelle in pericolo, mafia locale ed il più classico dei suoi avversari, risate comprese.
Ciò che colpisce di questo albo non è tanto il tema trattato, per quanto insolito, ma i disegni di Dave Taylor, le cui tavole sono realizzate a matita e pastello blu ed illuminate da un leggero tocco di colore per dare profondità e importanza a ciò che vi è ritratto. L’artista non ha mai usato la gomma da cancellare per cui ciò che troverete nel volume è effettivamente ciò che ha realizzato di primo acchito.
La storia di Kidd è semplice e senza pretese ma, per quanto l’abbia apprezzata, il vero pezzo forte del volume sono i disegni di Taylor che piaceranno sicuramente ai nostalgici delle avventure anni ’40 del Cavaliere Oscuro. Chi è abituato alle storie recenti potrebbe storcere il naso per cui vi consiglio di visionarlo dal vivo prima di acquistarlo.

Per fare una passeggiata tra i meandri (s)conosciuti di Gotham City vi segnaliamo:

UNA PASSEGGIATA TRA STORIA E LOCALITA’ MITICHE DI GOTHAM CITY

Gotham City… la città delle tenebre

La pagina Facebook Così Parlò il Raffo del mitico Raffaele Coppola vi ha presentato:

BATMAN DEATH BY DESIGN
Editore: RW LION
Collana: BATMAN DEATH BY DESIGN
Serie: GRANDI OPERE DC
di Chip Kidd, Dave Taylor
16,8×25,6, C, 112 pp, col.

4 thoughts on “Batman: Death by Design (Recensione)

  1. Credo che ciò che colpisca di più siano le tavole: solitamente sono aspre, accese o con colori più scuri. Qua c’è una strana delicatezza, davvero interessante

I tuoi commenti sono sempre i benvenuti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...