Le gemme nascoste di George Pérez

Di Alex Jaffe

Per tutto questo mese abbiamo celebrato la vita e l’eredità di George Pérez, uno dei più grandi architetti artistici dell’Universo DC come lo conosciamo oggi. Senza l’influenza di Pérez, non avremmo la maestosità e la grandezza di Crisis on Infinite Earths non avremmo l’incarnazione definitiva dei Teen Titans e Wonder Woman sarebbe irriconoscibile. Ma per quanto queste serie siano importanti per la grande mitologia DC, George Pérez ha contribuito con la sua straordinaria abilità artistica in modo molto più ampio nel tempo che abbiamo condiviso con lui. Pérez potrebbe non essere più con noi, ma il suo lavoro nei fumetti assicura che la sua eredità sopravviverà finché continueremo a credere negli eroi. Per quelli di voi che, come noi, cercano una scusa per passare un altro pomeriggio con uno dei nostri più grandi artisti, siamo lieti di indirizzarvi ad alcune delle gemme nascoste di Pérez nella sua vasta collezione d’arte. 

Justice League of America n. 184-186, 192-197, 200 

Nello stesso momento in cui venivano ridefiniti i Teen Titans, Marv Wolfman, George Pérez stavano creando alcune delle storie più drammatiche della Justice League dall’età dell’argento (Silver Age) con lo scrittore Gerry Conway. 

Proprio mentre stava iniziando la sua carriera con la DC nel 1980, Pérez ci stava mostrando di cosa era capace con una grande battaglia multiverso tra Justice League of Earth-One, Justice Society of Earth-Two e New Gods of New Genesis contro la minaccia resuscitata di Darkseid. E quello era solo il corso di apertura. A seguire, Pérez ha illustrato l’origine di Red Tornado, la nascita della Società Segreta dei Supercriminali, e ha unito i più grandi eroi della Terra contro il primo supercriminale dei fumetti: Ultra-Humanite. È stato un periodo emozionante per la League, che ha rappresentato alcune delle avventure con la posta in gioco più alta che hanno avuto insieme prima di sciogliersi per far posto alla squadra di Detroit e poi a Crisis on Infinite Earths . In questi dieci numeri, la Pre-Crisis Justice League non è mai stata così alta come sotto le matite di Pérez.

DC Comics presenta il numero 61 

Una delle creazioni più singolari di Jack Kirby per la DC è stata OMAC: The One Man Army Corps, il simbolo di un distopico “mondo che sta arrivando” inteso come un cupo avvertimento del nostro futuro a venire. Ma mentre OMAC si sarebbe fatto strada attraverso titoli marginali come Warlord di Kirby Kamandi, il primo incontro di OMAC con l’Universo DC in generale è arrivato per gentile concessione di George Pérez e Len Wein nel libro di Superman DC Comics Presents. 

In questa avventura, OMAC unisce le forze con Superman per sconfiggere un assassino robot del futuro. La missione “MurderMek”: assassinare l’antenato del 20° secolo dell’ospite umano di OMAC per cancellarlo dalla linea temporale. A proposito, vorremmo solo notare qui che il film The Terminator non è uscito fino all’anno successivo. 

Storia dell’Universo DC 

Per quanto grandiosa fosse la collaborazione di Pérez e Wolfman in Crisis on Infinite Earths, la serie in due volumi che la seguì fu forse ancora più grandiosa. Laddove Crisis ha cercato di presentare ogni angolo dell’Universo DC in un unico punto fenomenale,  The History of the DC Universe ha presentato l’intera realtà ricostruita in ordine cronologico, dall’inizio dell’universo al lontano futuro della Legione dei Supereroi . 

Ogni periodo della storia della DC è generosamente presentato da Pérez in splendidi rilievi che fanno da sfondo alla narrazione di Wolfman, fondendosi come una visione coerente del mondo di eroi della DC come non si era mai visto prima. L’arte abbagliante di Pérez e il racconto prosaico di Wolfman di una nuova storia DC farebbero gran parte del lavoro per ripristinare la situazione nell’era post-crisi. Anni dopo, il lavoro di Pérez e Wolfman su questo testo storico avrebbe ispirato una delle migliori serie della DC Black Label,  The Other History of the DC Universe.

Chi è chi 

Poiché History of the DC Universe presentato un resoconto cronologico della nuova Terra post-crisi, la serie simultanea Who’s Who ha fornito un resoconto delle sue dramatis personae, biografie dettagliate di ogni personaggio DC significativo fino a quella data. Tuttavia, i dettagli elaborati nelle biografie dei personaggi preferiti e che presto saranno i preferiti erano solo metà del fascino. Ogni voce includeva illustrazioni altrettanto elaborate che racchiudevano l’essenza del personaggio profilato, tutte disegnate dai più grandi fumettisti dell’epoca. 

Ovviamente, ciò significava che Pérez era in tutta la serie. In effetti, alcuni dei suoi migliori lavori sono stati sulle pagine di Who’s Who, che combinavano tutti i personaggi profilati in ogni numero in un’avvincente foto di gruppo. Ma il suo lavoro interiore che ha accompagnato molti dei profili all’interno è stato un piacere per qualsiasi lettore. 

Fumetti d’azione #643-652 

Non passò molto tempo nell’era post-crisi che un Superman rinfrescato stava già attraversando una crisi di identità. Dopo un esilio autoimposto a seguito di una visita traumatica in una dimensione tascabile apocalittica, era tempo di riportare l’ottimismo di Superman. Quindi, chi potrebbe vederlo accadere meglio dell’uomo che aveva appena rivitalizzato Wonder Woman? 

Per dieci numeri della serie di debutto di Superman, Pérez fa conoscere a Superman una nuova Supergirl, evoca una vile confederazione di Brainiac e Metallo e introduce un nuovo personaggio nella vita di Superman: Maxima, la regina del pianeta Almerac che cerca l’Uomo d’Acciaio come la sua compagna perfetta. 

Il coraggioso e il coraggioso #1-10 

Il riavvio di Mark Waid del 2008 di The Brave and the Bold era un concetto degno del suo titolo. E se, invece di un libro di squadra incentrato su Batman, The Brave and the Bold potesse raccontare la storia di qualsiasi varietà di eroi che si alleano in qualsiasi momento? Il risultato sono state alcune delle dinamiche dei personaggi più interessanti che non avresti mai avuto la possibilità di vedere in nessun altro fumetto. E quando si trattava di arte, solo un uomo poteva essere all’altezza del lavoro: l’uomo che aveva più esperienza nel disegnare insieme gli eroi dell’Universo DC di chiunque altro, George Pérez. 

Lo scrittore più esperto della DC e l’uomo che ha unito più personaggi DC di chiunque altro? Questo è ciò che chiamiamo team-up. 

Crisi finale: La Legione dei Tre Mondi 

George Pérez ha trascorso decenni a costruirsi la reputazione di maestro delle riprese della folla, per quando avevi davvero bisogno di popolare l’Universo DC con una ricchezza di vita e personalità. Ma anche per un artista che ha disegnato tutta Crisis on Infinite Earths,Final Crisis: Legion of Three Worlds è stata una sfida unica: una storia che ha riunito tre diverse Legioni di Supereroi da tre diverse continuità in un unico grande evento. 

Destreggiarsi tra gli enormi elenchi di ciascuna di queste squadre con identità spesso sovrapposte e personaggi con storie selvaggiamente diverse è un compito arduo come qualsiasi artista potrebbe essere chiamato a gestire. Ma nella sua unione di ogni versione di ogni legionario, Pérez ha dimostrato una volta per tutte che non c’era compito troppo grande per il suo talento. George Pérez si ritirerebbe dai fumetti solo pochi anni dopo questa serie, ma non saresti sbagliato a dire che Legion of Three Worlds era Pérez che mostrava ai bambini che stavano uscendo esattamente come si fa questo business dei fumetti. 

Con Legion, Pérez ha dimostrato una volta per tutte che durante i suoi trent’anni con la DC, nessuno poteva farlo come lui. E sulla sua scia, i futuri artisti non possono fare di meglio che studiare il suo esempio, ai piedi di questo Nuovo Titano. 
 

Alex Jaffe è l’autore della rubrica mensile “Ask the Question” e scrive di TV, film, fumetti e storia dei supereroi per DCComics.com. su Twitter su @AlexJaffe e nella DC Community come HubCityQuestion.

Fonte: [dccomics.com]

2 thoughts on “Le gemme nascoste di George Pérez

I tuoi commenti sono sempre i benvenuti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...