Nerd Show 2020: l’arte in diagonale

Giunto alla sua terza edizione, il Nerd Show di Bologna, si conferma una piacevole sorpresa per gli amanti dell’arte in ogni sua forma di creatività e di espressione estetica. Già, è proprio così. Non solo fumetti, videogiochi, giochi da tavolo e fenomeni del web.  Il Nerd Show Bologna, la fiera a tema comics e cultura pop organizzata da BolognaFiere è andata in scena il weekend dell’8 e 9 febbraio 2020 presso il quartiere fieristico felsìneo. Nell’arco della due giorni abbiamo visto celebrare anche l’arte dell’illustrazione, del disegno sequenziale, della canzone, del cosplay, della televisione, del cinema, del prop making e del doppiaggio.

Un evento unico e imperdibile, con una vera e propria parata di stelle che si sono alternate sui vari palchi allestiti in fiera, tra cui solo alcuni si sono fermati per farvi un saluto. A voi, le voci del calibro di Mino Caprio (C3PO in Star Wars, Peter Griffin, Kermit la Rana),

Leonardo Graziano (Sheldon in The Big Bang Theory, Naruto nell’omonima serie), Carlo Valli (voce ufficiale di Robin Williams, direttore di doppiaggio e voce di Rex in Toy Story),

Pietro Ubaldi (Doraemon, Hector Barbossa ne I Pirati dei Caraibi, Batman: The Brave and the Bold: Music Meister, il Professor Pyg in Batman: Arkham Knight),

Ivo de Palma (voce di Pegasus ne I Cavalieri dello Zodiaco, Mirko di Kiss Me Licia, Spaventapasseri in Batman The Animated Series),

Davide Perino (Lex Luthor in Batman v Superman e Frodo ne Il Signore degli Anelli),

Elena Perino (Captain Marvel), Mirko Fabbreschi (voce al canto di Gumball, Telespalla Bob, Clarence), Maura Cenciarelli (tra le altre voci, Meg Griffin), Renato Novara “Rubber” di One Piece e Ted Mosby in How I Met Your Mother), Emanuela Ionica (Vaiana in Oceania e Robin di Stranger Things), Fabrizio Mazzotta (Mizar in UFO Robot Goldrake, Krusty il clown ne I Simpson),

senza contare la preziosa presenza dell’attore Renato Pozzetto per il cinema italiano. Segue lo speciale saluto dei Raggi Fotonici, storica band autrice e interprete di colonne sonore e sigle per RAI, Cartoon Network, Netflix e Sky, da Digimon a L’Ape Maia, da Fairy Tail a Scooby-Doo.

Ad arricchire il panorama musicale emiliano, la cantante, attrice e conduttrice televisiva, regina delle sigle di cartoni animati: Cristina D’Avena.

L’elenco dei disegnatori presenti, grazie all’artist alley ben organizzata dal maestro Fabio D’Auria, ve lo abbiamo già mostrato qui. Vi facciamo vedere solo alcune delle opere realizzate durante la fiera da alcuni “grafici” presenti.

 

Sul palco Workshop si sono alternati maestri dall’incommentabile bravura. In rappresentanza dei tanti professionisti del prop making ci siamo soffermati con un gruppo dal nome a noi molto familiare Waynefacatory, un team di artigiani che lavorano con passione per realizzare costumi e oggetti di scena ispirati al cinema, ai fumetti e ai videogiochi.

Talentuosi cosplayer, appassionati e curiosi in fila per fotografare e farsi immortalare in uno scatto fotografico. Grande affluenza e tanta sana allegria hanno contraddistinto questa edizione del Bologna Nerd Show che ha ripercorso i migliori “filoni” dell’immaginario comune, senza mai dimenticare il presente e il futuro dell’animazione, delle serie tv e del cinema “pop”.

Forbidden Planet di Edinburgh

Uno dei nostri lettori ha avuto la fortuna di fare un piacevole viaggio in Scozia e di poter visitare il Forbidden Planet di Edinburgh. Per condividere le sua esperienza, ha pensato di inviarci un bel reportage, comprensivo di fotografie dei luoghi visitati. Batman Crime Solver e’ lieta di ospitare sulle proprie pagine il racconto di Vincenzo Firrera. Inviatiamo chiunque altro abbia vissuto esperienze simili ad inviarci i propri racconti corredati da foto. Leggiamo il racconto di Vincenzo.

Nella prima settimana di Giugno ho potuto finalmente godere della mia “meritata” vacanza in Scozia.
Il viaggio è stato spettacolare, la Scozia è veramente stupenda, con gente simpatica e molto socievole e complice il cielo azzurro e sole tutta la settimana, abbiamo avuto modo di girare moltissimo.
Oltre ad Edimburgo che è una città bellissima sopratutto la “città vecchia”, abbiamo fatto un tour nelle Highlands e sull isola di Skye, ho visto dei paesaggi davvero mozzafiato con montagne, distese di verde, laghi e castelli…da libro fantasy!!! Non è stato difficile per me immaginare le numerose leggende che la guida ci raccontava nel nostro viaggio.

dsc_6024

 

Ovviamente nel mio girovagare ho fatto tappa fissa al Forbidden Planet locale, si trova al 40-41 S Bridge St, nella città vecchia, praticamente nel centro della città, una sorta di “mecca fumettistica” per me leggo che leggo comics fin da bambino, anche se complice della “moda” dei supereroi di questo periodo, tanti negozi erano forniti di magliette o gadget dei super eroi più o meno ufficiali e più o meno belle.

Immagine
Il Planet di Edimburgo è infinitamente più piccolo e decisamente più “spartano e casereccio” di quello Londinese, si sviluppa solo un piano e in pochi metri quadri, al posto di familiare “arrampica muri” in grandezza naturale che penzola dal soffitto ve n’è uno di più modeste dimensioni e gonfiabile e non c’è all’entrata un “Batman” riproduzione in grandezza naturale direttamente ripresa dalla triolgia di Nolan, ma sicuramente il Planet scozzese è comunque “il paese dei balocchi” ai miei occhi e la mia visita non è stata vana.

Una Batgirl al Forbidden Planet

Una Batgirl al Forbidden Planet

 

Innanzitutto il personale è disponibilissimo e gentilissimo, essendo in terra di Scozia speravo di trovare qualche “chicca” su Morrison, purtroppo non possedevano nulla che non avessi già oppure era fuori catalogo, peccato ma i gadget e la memorabilia non mancano di certo, che siano di super eroi, manga, serie televisive li va forte Big Bang Theory (io adoro quella serie), il negozio sembra riuscire ad accontentare qualsiasi richiesta in fatto di gusti, io mi sono concentrato sui comics ovviamente, tutto è messo in rigoroso ordine alfabetico ed in sezioni che vanno dai tp, agli omnibus o ai comics, tra quali spiccano le nuove uscite, stand che ho voluto “saltare” per non bruciarmi troppo con gli spoiler di quello che deve succedere, ovviamente ho sbirciato le copertine, urghh alcune cose mi hanno lasciato basito, sopratutto per il nostro Batman… nella mia caccia sono entrato in possesso di Uncanny Avanger tp e sopratutto dal me ambito Indentity Crisis tp della Dc che mi mancava nella mia collezione dei must, qui il nostro cavaliere oscuro sembra essere uno dei protagonisti, non ho ancora avuto modo di sedermi con calma e leggermi questo capolavoro, ho bisogno di ritrovarmi tranquillo per centellinare ogni pagina.
Per quanto riguarda il nostro Batman, nello specifico vi erano ancora delle T shirt della trilogia cinematografica, il cui successo sembra non essere scemato a distanza di tempo anzi, pins, varie tazze, mealbox, action figures, batmobili, ma non c era quella della telefilm che adoro!! Avrei comprato di certo tutto il negozio, se non fosse che le mie finanze sono quelle che sono e che il cambio euro/sterlina raramente è favorevole, i prezzi non sono spropositati, ma diciamo che neanche te le regalano le cose, io ho appagato il mio lato nerd con una fantastica cintura gialla con i pipistrelli che svolazzano, appariscente, molto kitch, ma diamine era troppo bella per lasciarla in negozio, ma fa molto batcintura . In oltre come ogni Planet che si rispetti c erano poster e una quantità considerevole di Omnibus che coprivano praticamente tutta la carriera fumettistica del cavaliere oscuro, vari tp con le saghe più belle, Hush, la run di Morrison, Batman e Robin, Anno Uno, Dark Knight Return, con edizioni che andavano dalla standar alla deluze etc. ma da questo punto di vista sono praticamente quasi a posto. Ho notato (che fortuna per il negozio) che vi erano numerosi clienti e visto la mole d acquisto per ciascuno la “crisi” sembra intaccato relativamente le vendite, mi è capitato spesso passeggiando per la città di incrociare dei passanti con comics in mano è una cosa che ho visto di rado nella provincia nella quale abito, che peccato. In definitiva penso che se qualche appassionato di comics decide di passare per Edimburgo, il Forbidden planet è una tappa consigliatissima, penso che sia impossibile uscire a mani vuote da li!!!

 

La mia Bat-Cintura

La mia Bat-Cintura