Bambini svogliati e distratti? Provate a vestirli da Batman

Bambini costantemente distratti? Genitori nervosi e stanchi dei vani tentativi fatti per cercare di coinvolgerli in un’attività che duri più di 10 minuti? Mamme e papà preoccupati per la mancanza di concentrazione dei piccoli in vista dell’inizio della scuola elementare? Provate con un costume di Batman. Sta qui, la soluzione, secondo una ricerca pubblicata nella rivista Child Development dal titolo “Batman effect”. Lo studio è stato realizzato su bambini dai 4 ai 6 anni di età e ha mostrato che i bambini vestiti col costume del supereroe hanno raggiunto maggiori livelli di concentrazione rispetto agli altri.

Nel dettaglio, i ricercatori hanno condotto lo studio dando ai 180 bambini coinvolti un compito noioso da svolgere sul computer in 10 minuti ma fornendo anche la possibilità di andare a giocare a un gioco su un iPad nella stanza accanto. Il panel è stato diviso in tre gruppi: il primo, il gruppo di controllo, doveva annotare pensieri ed emozioni provate mentre svolgeva il compito chiedendosi. “Sto lavorando duro?”. Il secondo gruppo doveva invece pensare a se stesso in terza persona e quindi farsi la stessa domanda, ma dicendo per esempio “Federica sta lavorando duro?”. Il terzo gruppo doveva indossare i panni di qualcuno che realmente “è molto bravo e fa un duro lavoro”, scegliendo tra un panel di supereroi e personaggi, mascherandosi come loro e chiedendosi poi, per esempio: “Batman sta lavorando duro?”.

I risultati hanno mostrato innanzi tutto che i bambini di 6 anni hanno rivelato una maggiore capacità di concentrazione di quelli di 4 (i primi passavano metà del tempo a svolgere il compito noioso, i più piccoli solo un quarto del tempo totale), come ci si poteva attendere visto che si tratta di una fascia d’età in cui i cambiamenti e le evoluzioni delle funzioni cognitive (inclusa la capacità di restare concentrati) sono repentine. In secondo luogo, a prescindere dall’età, i bambini mascherati hanno mostrato un maggiore coinvolgimento nel portare a termine il compito noioso, minore distrazione e maggiore capacità di concentrazione. Da notare che, inoltre, il secondo gruppo (quello che pensava a sé in terza persona) ha performato meglio del primo.

Ma al di là della simpatia per l’immagine dei bimbi mascherati impegnato a svolgere “un duro lavoro”, la ricerca è interessante perché ha portato alla conclusione secondo cui più i bambini mettevano una distanza tra se stessi e il compito da svolgere, pensando in terza persona o assumendo un’altra identità, più facile era per loro resistere alla tentazione (in questo caso l’iPad) e più riuscivano a concentrarsi. Pensare a se stessi come a un supereroe li ha aiutati cioè a resistere alla distrazione, concentrandosi quindi non sulla soddisfazione immediata (iPad) ma sul risultato a lungo termine (il compito da svolgere). Certo, questo può avere diversi gradi di motivazione: dal fatto che essere mascherati rendeva già il compito più divertente e meno noioso, o perché l’identificazione con l’eroe portava a identificarsi anche nelle sue qualità migliori, tra cui la perseveranza e la capacità di portare a termine i propri obiettivi. Insomma, la perseveranza. una caratteristica importante nella studio e nel lavoro, può essere allenata anche nei bambini e, magari, anche Batman può aiutare!

[Fonte: Il Sole 24 Ore – scritto da ]

Annunci

Il cosplay di Harley Quinn di Michelle

Ciao a tutti! Sono Michelle, conosciuta anche come Mishy, Harley o Misheru e ho 18 anni.

image

Ho iniziato a fare cosplay quasi 4 anni fa. Sono un’amante del Giappone e cerco sempre di osservare ogni singolo dettaglio per realizzare un cosplay, esattamente come fanno in Giappone. Sono partita con Hatsune Miku, poi mi sono “evoluta” continuando con Kaito Shion, Kaiko Shion, Kuraito Shion (tutti Vocaloid) e Harley Quinn, il personaggio che ora interpreto di più (già uno americano xD). Fin da piccola seguo Batman, e fu così che vidi nella serie animata, di Paul Dini, Harley Quinn. Ho sempre adorato il personaggio di Joker e finalmente ho avuto l’opportunità di avvicinarmici cercando di imitarla il più possibile.

image

Ad aiutarmi coi costumi è mia madre (Simona Branca), mi trova i vestiti, li sistema, li fa da sola dalla testa ai piedi e ha un’inventiva ottima per fare i cosplay. Le stoffe le trovo sempre con l’aiuto di mia madre, che sapendo cucire mi sa consigliare quale stoffa sia meglio usare per determinate cose. Ad esempio il primo vestito che mia madre mi cucì era interamente di raso leggero e il collare era di cotone. Per la seconda versione invece il vestito lo abbiamo trovato con molta fortuna, abbiamo scelto di sistemarlo con del pizzo rosso e nero in fonso al vestito e il collare me lo ha rifatto con una stoffa più pesante e con un papillon dello pizzo di cotone rosso e nero. La parrucca bionda abbiamo dovuto risistemarla tutta, da più lunga e riccia l’abbiamo trasformata a più corta e completamente liscia, anche se abbiamo unito due parrucche diverse (nella prima versione non usavo parrucche, mi facevo i codini quando avevo ancora i capelli fucsia e neri *nelle foto la parte fucsia appariva quasi rossa*). Mentre per gli accessori ci metto naso un po’ anche io. Abbiamo creato due martelli abbastanza diversi fra loro, uno un po più grande dell’altro, con dei barattoli di sott’oli, bastoni per le scope e tanta colla xD. Sono sempre dell’idea che sia meglio fare i propri cosplay in casa, è più divertente e ti lega di più a questo hobby, anche se è innegabile che certi costumi comprati siano spettacolari.

image

Io invece mi occupo del trucco. Quello di Harley Quinn normalmente mi impegna circa 20-30 minuti (la fortuna è anche nell’avere una maschera che copre metà volto), ma da sempre il suo da fare. Avendo lineamenti grandi di natura, metà del lavoro è fatto

image

È stato proprio l’evento del Rimini Comics del 2013 ad aiutarmi a farmi un nome, un’opportunità che mi ha aperto la strada a cose più importanti; photoshoot, interviste ecc.. Attualmente ho fatto solo due versioni di Harley ma molto personali e sto progettando la terza per il Rimini Comics 2014, incrocio le dita sperando che tutta vada come l’anno scorso!

Se vi va di darci un’occhiata, seguitemi su Misheru Mishy Cosplay ^^

Batman senza segreti – 27.08.2012 La mostra di Ostia Lido

L’uscita in tutto il mondo del nuovo film “Il cavaliere oscuro – Il ritorno” è stata accompagnata da un vero e proprio interesse genuino e radicato per l’eroe della Warner Bros.
Come il nostro blog via aveva anticipato, per quanto riguarda l’attesa dell’evento su schermo in Italia, ecco giungere la notizia dell’apertura di una mostra su Batman ad Ostia, vicino Roma.
In realtà i punti in cui l’esposizione si sviluppa solo due: Piazza Anco Marzio e Piazzale dei Ravennati. Scorrendo i nostri post troverete una mappa con l’indicazione delle due piazze.
Vi ricordiamo che in entrambi i casi, le date di apertura sono quella del 24 agosto (apertura) e quella del 28 agosto (chiusura): una manciata di giorni ancora per visitare la mostra e per fare incetta di Batman e del suo mondo.
Molto particolare l’appuntamento in Piazzale dei Ravennati: qui si potrà accedere ad una vera e propria Experience, ovvero una vera e propria un’attrazione a tema.
Lo stand espositivo ha cercato di ricreare con musiche, suoni e video, nonchè oggetti e costumi di scena e ai costumi provenienti direttamente dai set dei tre capitoli della trilogia, della Warner Bros Pictures, che coinvolge totalmente gli spettatori.

All’interno di questo fantastico stand espositivo c’e’ la Batpod – la moto di Batman, usata nel film anche da Catwoman – e la Camo Tumbler, l’auto di Bane.
Sarà inoltre possibile guardare alcuni costumi di scena da vicino, tra i quali: quello di Bane, Batman, Catwoman, la divisa del poliziotto di quartiere di Gotham City, l’abito indossato durante il ballo con Selina Kyle dal miliardario rampollo della famiglia Wayne e altri costumi di scena che potrete vedere attraverso le nostre fotografie e video.
In Piazza Anco Marzio invece l’atmosfera sarà ben diversa: qui sono esposte numerose foto di scena scattate sui set diretti da Christopher Nolan. Le immagini sono molto coinvolgenti.
Batman Crime Solver si e’ trasferito sul posto per voi farvi vivere delle belle emozioni.
Ecco dunque che entrare per qualche ora nel mondo di Batman sarà possibile grazie al nostro reportage della mostra dedicata al Cavaliere Oscuro…vivete la Bat-esperienza con noi.

 

LA MOSTRA FOTOGRAFICA DI PIAZZA ANCO MARZIO

LE FOTOGRAFIE SCATTATE ALL’INTERNO DELLO STAND UBICATO IN PIAZZALE DEI RAVENNATI