Like me, like a Joker – The Joker Web Series: due nuove collaborazioni eccellenti

Nel panorama della serialità web, da circa sei anni la fan series“Like me, like a Joker – The Joker Web Series”, diretta dal regista e showrunner Bruno Mirabella, prodotta dall’associazione culturale Burattini senza fili e distribuita sull’omonimo canale Youtube, fa parlare di sé all’interno dei confini del territorio italiano e non solo, acquisendo un’eco sempre più vasta e affondando le sue radici proprio nella community web.

Like a me, like a Joker - Locandina

Creata originariamente da un gruppo di amatori dell’arte cinematografica e appassionati dell’universo di Batman, nasce come rivisitazione originale dei fumetti della DC Comics e delle trasposizioni filmiche, basando il suo racconto sul punto di vista del Joker e della follia.

Un racconto articolato su tre linee temporali differenti (passato, presente e futuro) che svelerà e dispiegherà il destino dei cosiddetti “buoni” e dei villain di Gotham City, intrecciati a doppio nodo fra loro e poli diversi della stessa follia che guida il mondo e che li accomuna.

La serie è attualmente alla sua seconda stagione e ha ottenuto dai festival internazionali di settore importanti riconoscimenti e premi (tra i più recenti, “Best Director” al Seoul Web Fest) e oggi può vantare la collaborazione di numerosissime personalità artistiche tra attori, scenografi, tecnici del suono, illustratori, costumisti, make-up artist ed etc..

E proprio recentemente la web series ha ottenuto la prestigiosa partecipazione di due grandissimi professionisti, uno dei quali è Marco Balzarotti, la voce storica italiana dell’Uomo Pipistrello.

Marco Balzarotti

Attore, doppiatore televisivo e speaker in documentari e pubblicità, ha lavorato al doppiaggio in numerosissimi anime giapponesi e cartoni animati, e conquistato la notorietà con Batman: La serie animata e la serie di videogiochi Batman: Arkham, nelle quali ha prestato la propria voce al cavaliere oscuro; una voce ad oggi iconica per la fan community italiana,quasi quanto la figura di Batman stesso,

Il regista della serie ha dichiarato “E’ un immenso onore per noi di Like Me, Like a Joker poter avere la collaborazione di un maestro come Balzarotti, che sarà quindi la voce anche del nostro di Batman nel prossimo episodio della serie (la cui uscita è prevista per gennaio 2020) e che ha supportato immediatamente il nostro progetto con questo meraviglioso regalo che è rivolto, anche e soprattutto, a tutti fan italiani del crociato incappucciato”.

E, in attesa di questo momento, aspettiamo anche di conoscere il nome dell’altro grande artista che collaborerà con la web series e la cui identità verrà svelata nel corso delle prossime settimane.

Trailer della nuova stagione:

 

Per il canale Youtube fare click qui.

Fonte : [Bruno Mirabella]

Intervista a Alessandro Campaiola: la voce italiana di Flash

Le voci delle celebrità nel cinema sono inconfondibili; saremmo in grado di riconoscere un attore o un’attrice solo dalla sua voce. In effetti il doppiaggio è una parte fondamentale del cinema. E’ un mondo affascinante e spesso sottovalutato considerando che la qualità e la professionalità della recitazione italiana possono essere decisive nel successo o meno di un film.
L’Italia è sempre stata all’avanguardia nel mondo del doppiaggio; rispetto agli altri paesi europei nel nostro paese viene doppiata una percentuale molto alta di film. Generalmente oltre alle pellicole in lingua straniera vengono doppiate anche alcune voci degli attori italiani, ma non è il caso dell’attore/doppiatore ospite del nostro blog. Oggi vi proponiamo l’intervista ad Alessandro Ward, figlio della bravissima attrice, doppiatrice e direttrice di doppiaggio Monica Ward (tra le tanti voci prestate ricordiamo Lois Lane nella prima stagione di Lois & Clark – Le nuove avventure di Superman).
Alessandro Campaiola, questo lo pseudonimo scelto dall’attore, fin da giovane ha prestato la propria ugola a diversi attori tra cui ci piace ricordare Gabriel Basso nel film Super 8, Evan Peters in “X-Men – Giorni di un futuro passato” e “X-Men: Apocalisse”, nonchè il personaggio di Michelangelo in “Tartarughe Ninja” (2014) e “Tartarughe Ninja: fuori dall’ombra”. Le sue interpretazioni sono state tantissime altre e per approfondimenti vi rimando alla pagina dedicata al doppiaggio di Antonio Genna.

Intervista a Alessandro Campaiola: la voce italiana di Flash

Con la sua recitazione Alessandro ci regala battute che sono memorabili che si imprimono nella nostra mente, così come i dialoghi serrati che ci trascinano dentro lo schermo, e la recitazione dei monologhi che spesso sondano le profondità della nostra esistenza e delle nostre emozioni; i suoi respiri conferiscono vita a corpi di celluloide. Per questo possiamo dire che la sublime alchimia dell’arte del doppiaggio è perfettamente incarnata da Alessandro Campaiola e in special modo nella sua magistrale interpretazione nel telefilm “The Flash” in cui doppia l’attore Grant Gustin, ovvero Barry Allen/Flash. L’intervista è stata realizzata, in formato video, sulla base delle nostre domande e con molta pazienza e gentilezza il buon Alessandro si è prestato a risponderci. Toglietevi qualche curiosità ed ascoltiamo cosa ci racconta…Barry Allen! ^_*

1. Stefano: Benvenuto su Batman Crime Solver e grazie per aver accettato il nostro invito.

2. Stefano: Alessandro, ci racconti il tuo esordio dietro al leggio? Come hai vissuto quella esperienza e qual’era il tuo stato d’animo?

3. Stefano: Qual è stata la tua recitazione più semplice e quella più complessa, in quali pellicole e perché?

4. Stefano: Come sei arrivato a doppiare la serie di The Flash?

5. Stefano: Com’è stato il tuo primo approccio con l’attore Grant Gustin? Hai avuto subito un buon feeling con il suo modo di recitare?

6. Stefano: Dai vita a Barry Allen/Flash da diversi anni ormai. Cosa ti rimane del personaggio?

7. Stefano: A dicembre scorso abbiamo intervistato Veronica Puccio/Supergirl. Avete doppiato in colonna separata o avete avuto l’opportunità di incontrarvi per le puntate crossover?

8. Stefano: Ci puoi raccontare un aneddoto particolare accaduto in sala di doppiaggio mentre prestavi la tua voce a Flash?

9. Stefano: Quanto è stato complesso (semmai lo è stato) doppiare due personaggi alla volta (per esempio, quando il Flash del presente si incontra con il sé stesso del futuro, e con Savitar)?

10. Stefano: Come Flash, sei mai andato in confusione, con tutte quelle linee temporali?

11. Stefano: Hai qualche indiscrezione sul futuro? Magari ci puoi anticipare marginalmente, quale sarà la sfida più difficile che dovrà affrontare il personaggio?

12. Stefano: Qual è il tuo rapporto con i fumetti? Cosa leggi abitualmente? Il tuo personaggio preferito?

13. Stefano: Grazie per la tua disponibilità e per il tempo che ci hai dedicato. Ci auguriamo di vederti presto in altri tuoi lavori anche in ambito DC Comics.