Trailer ufficiale di Birds Of Prey e un tributo grafico speciale

Avete mai sentito la storia della poliziotta, dell’uccello canterino, della psicopatica e della principessa mafiosa?Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)”  è una storia contorta raccontata dalla stessa Harley, come solo lei sa fare. Quando il malvagio narcisista di Gotham, Roman Sionis, e il suo zelante braccio destro, Zsasz, prendono di mira la piccola Cass, la città viene messa sotto sopra per trovarla. Le strade di Harley, Huntress, Black Canary e Renee Montoya si incrociano, e l’improbabile quartetto non ha altra scelta che allearsi per sconfiggere Roman.

In “Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)” della Warner Bros. Pictures, Margot Robbie (“Tonya”) torna a vestire i panni di Harley Quinn, al fianco di Mary Elizabeth Winstead (“10 Cloverfield Lane”, “Fargo” in TV) nel ruolo di Huntress; Jurnee Smollett-Bell (“True Blood” della HBO) nei panni di Black Canary; Rosie Perez (“Fearless- Senza paura”, “Pitch Perfect 2”) in quelli di Renee Montoya; Chris Messina (“Argo”, “Sharp Objects” in TV) è Victor Zsasz; ed Ewan McGregor (“Doctor Sleep”, i film “Trainspotting”) è Roman Sionis. Fa il suo esordio sul grande schermo Ella Jay Basco, nel ruolo di Cassandra “Cass” Cain.

Diretto da Cathy Yan (“Dead Pig”) da una sceneggiatura di Christina Hodson (“Bumblebee”), il film è basato sui personaggi della DC Comics. Margot Robbie ha anche prodotto la pellicola assieme a Bryan Unkeless e Sue Kroll. I produttori esecutivi del film sono Walter Hamada, Galen Vaisman, Geoff Johns, Hans Ritter e David Ayer.

La squadra creativa che ha affiancato Cathy Yan dietro le quinte è composta dal direttore della fotografia Matthew Libatique (“A Star Is Born”, “Venom”); lo scenografo K.K. Barrett (“Lei”); i montatori Jay Cassidy (“American Hustle – L’apparenza inganna”, “Il lato positivo – Silver Linings Playbook”) ed Evan Schiff (“John Wick – Capitolo 2” e  “John Wick 3 – Parabellum”); e la costumista Erin Benach (“A Star Is Born”). Musiche di Daniel Pemberton (“Spider-Man: Un nuovo universo”).

La disegnatrice Simona Barone, della Scuola Romana dei Fumetti, ha realizzato un tributo grafico al personaggio di Harley Quinn che volentieri condividiamo con voi.

 

Warner Bros. Pictures presenta una produzione Lucky Chap Entertainment / Clubhouse Pictures / Kroll & Co. Entertainment, “Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn), la cui uscita nelle sale italiane è prevista per il 6 febbraio 2020. Il film sarà distribuito da Warner Bros. Pictures.

Harley Quinn: la serie animata – News

Alla fine dell’anno scorso abbiamo saputo che una nuova serie animata di Harley Quinn era in arrivo dai produttori esecutivi di Powerless Justin Halpern e Patrick Schumacker e Dean Lorey. Lo spettacolo per adulti sta per debuttare sulla piattaforma digitale Direct-to-consumer di DC Branded di Warner Bros (che trasmetterà anche la serie live-action Titans e la terza stagione della serie animata Young Justice), e Margot Robbie della Suicide Squad si dice che sia la “migliore scelta” per doppiare Miss Quinn (qualcosa ha anticipato in questa intervista che vi riproponiamo). La nuova serie animata di Harley Quinn sarà composta da 26 episodi di mezz’ora.

Daniela Di Matteo per il Batman Silent Book (Harley Quinn)

Non abbiamo ancora ascoltato nulla di ufficiale su questo fronte, ma abbiamo alcuni dettagli precisi per gentile concessione di That Hashtag Show. Le descrizioni confermano il coinvolgimento di Joker e Poison Ivy e rivelano che appariranno anche il Dr. Psycho (un nano misogino e arrabbiato dotato di telecinesi), Sylvester Borgman (una superspia in ritiro, relegato su una sedia a rotelle), King Shark o Re Squalo (un’anima gentile che vuole solo essere normale, almeno fino a quando non sente odore di sangue) e Clayface (in grado di mutare forma, un pessimo attore in cerca di qualunque troupe lo voglia a bordo). Joker, nella serie avrà 40 anni e sarà un personaggio sempre presente nel cartone animato. Tanto carismatico quanto letale, è stato il pessimo fidanzato di lungo corso di Harley. Quando Harley lo lascia, giura di mettere il suo adorato in cima alla lista dei più ricercati. Il Joker ritiene che Harley sia una sua creatura e mentre lei conquista sempre più potere, lui farà di tutto per fermarla.

Da questi rumor, lo spettacolo si preannuncia molto divertente – e nel caso ci fosse qualche dubbio sulla classificazione di cartone animato per adulti, aspettiamo di vedere cosa potrebbe accadere quando la dottoressa Quinn entrerà in contatto con il Dr. Psycho, il personaggio che fu creato da William Moulton Marston, il creatore di Wonder Woman e autore delle sue avventure.

Suicide Squad 2 ha trovato il suo sceneggiatore

In attesa di sapere chi prenderà il posto di David Ayer dietro ma macchina da presa di Suicide Squad 2 – ricordiamo che il regista è stato “dirottato” dalla Warner su Gotham City Sirens – almeno adesso si sa chi sarà l’autore del copione. Si tratta di Adam Cozad, che per la major ha appena scritto il (per noi) sottovalutato The Legend of Tarzan, diretto da David Yates.

Tra i nomi papabili per la regia del sequel circola anche quello di Mel Gibson, fresco di candidatura all’Oscar (seconda) per la regia del suo La battaglia di Hacksaw Ridge. L’attore, regista e sceneggiatore statunitense  è infatti vicino a un accordo con la Warner per la regia del secondo episodio di Suicide Squad. Secondo Hollywood Reporter, sarebbe stata la stessa casa di produzione a contattare l’attore-regista.  Gibson avrebbe già iniziato a lavorare sullo script e sulle prime idee di produzione. In ogni caso, la Warner avrebbe stilato una lista di ‘candidati’ alla regia del sequel di uno dei cinecomic più amati dell’ultima stagione: nella shortlist figurano Daniel Espinosa (Life), Ruben Fleischer (Benvenuti a Zombieland) e Jonathan Levine (Warm bodies).  Negli ultimi mesi, Gibson aveva espresso pareri non molto positivi sui film legati ai grandi fumetti. Parlando dei film dedicati ai personaggi delle saghe Marvel aveva detto: “Sono più violenti di qualsiasi cosa abbia mai fatto. Ma nei miei film contano i personaggi, ed è questo che rende tutto più rilevante”.

Anche se complicato dal punto di vista della produzione – le riprese aggiuntive volute dalla Warner all’epoca crearono discrete polemiche – e non particolarmente apprezzato dalla critica, il primo Suicide Squad ha comunque portato a casa la bellezza di 745 milioni di dollari in tutto il mondo. Ecco quindi che un sequel è ovviamente diventato una priorità per la casa di produzione. Tutti gli anti-eroi sopravvissuti alla prima avventura dovrebbero tornare, con la probabile aggiunta di altri personaggi. Ecco quindi che rivedremo Will Smith, Margot Robbie, Jared Leto e molti degli altri componenti del cast riprendere i rispettivi ruoli.

Suicide Squad 2

Oscar 2017: statuetta per il trucco e acconciatura a Suicide Squad, un premio italiano

I make up artist Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini vincono la statuetta per Suicide Squad. Un pezzetto di cinema italiano agli 89esimi premi Oscar, con due professionisti che lavorano sui set del grande cinema internazionale. Bertolazzi dedica il premio “a tutti i migranti” e aggiunge “Se non ti senti Joker ho fallito”.

Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson

Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson

Dopo aver vinto, con l’interpretazione di Margot Robbie quale “migliore attrice in un film d’azione” il 22° premio annuale Critics’ Choice Awards,  arriva il premio per il trucco e acconciatura degli Oscar 2017. Ed è un riconoscimento che finalmente parla italiano: perché insieme a Christopher Nelson gli altri due vincitori della statuetta per il film sono i make up artist Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini.

«Io arrivo dall’italia quindi questo Oscar lo dedico a tutti gli immigrati». La prima e unica emozione tricolore nella notte di Los Angeles che ha atteso invano «Fuocoammare» di Gianfranco Rosi, ce la regala Alessandro Bertolazzi, piemontese di Vercelli. «Grazie, voglio parlare, devo parlare, ho aspettato per 50 anni e forse di più», ha dichiarato sul palco, rendendo omaggio anche alla moglie Giovanna che lo ha sostenuto «per tutta la vita». Stringe forte in mano la statuetta dell’Oscar che ha appena vinto con l’altro italiano Giorgio Gregorini. Alessandro Bertolazzi ha aggiunto:

Con loro, premiato anche l’americano Christopher Nelson (è nato a Pittsburgh ma vive a Los Angeles da quando aveva 15 anni). In tre hanno vinto l’Oscar per il Miglior make up, con il film «Suicide Squad» (scritto e diretto da David Ayer) e sempre in tre hanno truccato per circa tre ore al giorno i super criminali Margot Robbie e Will Smith.

Sulla carta il film favorito per l’Oscar era Star Trek Beyond, che i bookmakers davano a 1,33, ma visto che questa è l’unica categoria con tre candidati invece della solita cinquina, le chances di Suicide Squad, dato a 5, erano consistenti. Naturalmente per quel bizzarro impasto di commedia e fantascienza che è Suicide Squad, tratto dai fumetti della Dc Comics, l’apporto di trucco e acconciatura è un elemento assolutamente determinante per definire stile del racconto e carattere dei personaggi. Basti pensare infatti all’incredibile lavoro compiuto per il Joker di Jared Leto e l’Harley Quinn di Margot Robbie, due veri capolavori del make up.

Chi sono i nostri designer? Ve lo avevamo anticipato qui parlando in maniera piu’ approfondita del trucco realizzato per il film.

 

Suicide Squad: un trucco da oscar Made in Italy per Jared Leto e Margot Robbie

Nella corsa degli italiani all’Oscar a realizzare il trucco di Suicide Squad ci sono Alessando Bertolazzi e Giorgio Gregorini. Ma chi sono i due possibili futuri premio Oscar?

Suicide Squad, il cinecomics targato DC Comics diretto da David Ayer quest’anno ha ottenuto ancora una volta la sua rivalsa rispetto alla critica venendo candidato al premio oscar per il miglior trucco e parrucco, una candidatura di rilievo che attesta l’importante lavoro realizzato dal duo italiano messosi al servizio del regista che ha saputo trasformare Will Smith, Margot Robbie, Jared Leto, Cara Delevigne in veri supereroi.

In una intervista rilasciata per l’uscita del film, Bertolazzi, racconta di come le operazioni quotidiane necessarie per raggiungere il risultato previsto sono state relativamente complesse: ogni giorno gli attori sul set dovevano essere sottoposti ad un’ora di trucco solamente per realizzare i tattoo presenti sul loro corpo, particolarmente complessi soprattutto per il personaggio di Harley Queen (Margot Robbie), tatuata dalla testa ai piedi.

Il trucco di Harley Queen

Come spiega Bertolazzi: “Il trucco era quotidiano, ogni giorno dovevamo rifare daccapo tutti i tatuaggi presenti sul corpo di Margot per evitare che si notassero differenze tra un ciak e l’altro”.

Anche la realizzazione della sua capigliatura non è stata cosa facile: “Avevamo bisogno di dare quel senso di durezza e rigidità ai capelli di Harley Queen, così i miei aiutanti hanno escogitato un trucco per l’occasione: Abbiamo preso quei gommini che servono per far poggiare a terra i bastoni da passeggio, li abbiamo bucati, pitturati e usati per bloccare i capelli di Margot.

Anche il rossetto utilizzato per il film non esiste in commercio, è stato inventato appositamente per le riprese; Bertolazzi voleva un rosso che non fosse né rosa ne tendente all’arancione perciò ha dovuto ricrearlo per l’occasione.

Foglia d’oro e fango per Cara Delevigne

Anche il trucco di Cara Delevigne è stato molto complesso e particolareggiato: “Come Incantatrice, Cara Delevingne doveva avere una pelle particolare, ricca di textures, o almeno così l’avevamo pensata con David (il regista n.d.r.); dovevamo ricreare quel senso di pelle squamosa tipica dei rettili mista a legno, un lavoro molto complesso. Per realizzarlo abbiamo utilizzato solo prodotti naturali ed elementi decorativi recuperati da me e Giorgio nel nostro girovagare per negozietti. Per il maquillage ho dovuto applicare il fondotinta e quattro differenti tipi di argilla mista a foglia d’oro per ottenere il giusto risultato”. E l’artista aggiunge: “Anche per la realizzazione della sua parrucca abbiamo escogitato un artificio molto ingegnoso: abbiamo preso un mocio (quello che si usa per lavare i pavimenti n.d.r.) gli abbiamo staccato gli stracci, li abbiamo fatti seccare, poi bruciati e infine incollati assieme.

Pallore psicopatico per Jared Leto

In Suicide Squad anche per la caratterizzazione di Joker il lavoro è stato di forte impatto visivo; il suo corpo così bianco e pallido e dall’effetto traslucido non è passato inosservato, infatti: “Dovevamo coprire l’intero corpo di Jared Leto e dargli quell’effetto bianco traslucido che si addiceva al suo ruolo di Joker. Per l’occasione e visto che il trucco andava applicato giornalmente, abbiamo preparato una soluzione di silicone misto e pigmenti a base di acqua, totalmente naturale e innocua per la pelle, e l’abbiamo spalmata sulle parti del corpo esposte alle riprese.”

[Fonte: Talk Movie]

Suicide Squad: Margot Robbie vince il premio Critics’ Choice Movie Awards

Era DC Comics contro Marvel al 22° premio annuale Critics’ Choice Awards, e Margot Robbie è riuscita a vincere quale “migliore attrice in un film d’azione” per la sua interpretazione nella pellicola Suicide Squad! Queste erano le candidate:

Migliore attrice in un film d’azione

  • Margot Robbie ( “Suicide Squad”) – Vincitrice
  • Gal Gadot ( “Batman v Superman: Dawn of Justice”)
  • Scarlett Johansson ( “Captain America: Civil War”)
  • Tilda Swinton ( “Dottor Strange”)
Margot Robbie durante la fase di make up prima di andare in scena

Margot Robbie prima di andare in scena

I Critics’ Choice Movie Awards, chiamati anche Critics’ Choice Awards, Broadcast Film Critics Association Awards o BFCA Awards, sono dei premi cinematografici assegnati annualmente dalla Broadcast Film Critics Association (BFCA), formata circa 250 critici cinematografici appartenenti alle principali testate giornalistiche statunitensi, operanti nel mondo della televisione, della radio, della carta stampata e su internet. Oltre ai premi annuali la Broadcast Film Critics Association seleziona mensilmente il “film del mese” e valuta tutti i film esaminati con una scala da uno a dieci. Inoltre, segnala durante l’anno le pellicole più degne secondo l’opinione dei critici dell’associazione.

La prima edizione dei Critics’ Choice Movie Awards si è tenuta nel gennaio 1996.

Dal 2011 la Broadcast Film Critics Association ha un’associazione sorella, la Broadcast Television Journalists Association (BFJA), che si occupa di premiare le produzioni televisive con i Critics’ Choice Television Awards.. Storicamente, “Critics ‘Choice Awards” è la manifestazione che in qualche modo riesce a predire in modo accurato anche le nomination agli Academy Award.

Intanto il fotografo Clay Enos (il fotografo che ha lavorato anche con il regista Zack Snyder in Watchmen) ci regala un nuovo scatto inedito direttamente dal dietro le quinte di Suicide Squad, il cinecomic di David Ayer arrivato nelle nostre sale ad agosto.
La foto, disponibile qui di seguito, ci mostra una delle scene presenti dell’extended cut del film in cui la dottoressa Harleen Quinzel (Magrot Robbie) insegue il Joker (Jared Leto) in sella ad una moto:

Suicide Squad: da Margot Robbie a Will Smith, il cast racconta le scene tagliate dal film!

Suicide Squad è uscito al cinema tra mille polemiche e acclamazioni:  per il film con Margot Robbie nei panni della tenera psicopatica Harley Quinn e Jared Leto del perfido Joker, probabilmente i fan si aspettavano degli approfondimenti sui singoli personaggi, che potrebbero essere ritrovati nelle scene tagliate!

Commentando i svariati tagli che ha avuto Suicide Squad, Jared Leto ha detto: “Potremmo riempire un dvd con tutte le scene cancellate. Ci sarebbero molte sorprese, molti errori e quindi anche molti incidenti e tanto divertimento”. E a chi non piacerebbe dargli un’occhiata?

In Suicide Squad ci sarebbe addirittura dovuta essere una scena di flirt tra Deadshot e Rick Flag che è stata ovviamente eliminata, ma anche a Margot Robbie è stata cancellata una delle sue scene preferite su Harley Quinn. Ecco cos’ha detto il cast!

[Fonte MTV]

Suicide Squad sbanca i botteghini USA

Suicide Squad arriva al cinema sabato 13 agosto 2016. Il terzo capitolo del DC Extended Universe (DCEU) mette in gioco diversi villain che prendono vita per la prima volta sul grande schermo, mentre altri sono già noti ai più ma li troveremo rappresentati diversamente nella pellicola diretta da David Ayer.

Uno di questi personaggi è il Joker, interpretato da Jared Leto, che Edith Bowman della BBC ha recentemente incontrato. Nel corso dell’intervista, Leto ha parlato del suo sogno di vedere il Joker collaborare con il Batman di Ben Affleck, che sarà anche il regista del primo film da solista del Cavaliere Oscuro.

“Penso che il personaggio più interessante col quale collaborare sarebbe Batman. So che non è un cattivo, ma sarebbe molto divertente. Per molte persone il molto focale di questo film è il Joker. In Suicide Squad c’è più di un’introduzione al Joker [che è] molto più di un supporto”.

Alla richiesta di anticipazioni su dove vedremo prossimamente il suo personaggio, nel franchise DC, Jared Leto ha risposto:

“Penso che dipenda interamente dalla risposta del pubblico. Se rispondono positivamente alla mia interpretazione allora immagino che il [mio] Joker possa tornare. Ma se non lo fanno, certamente non voglio annoiarvi”.

Suicide Squad, diretto da David Ayer, interpretato anche da Margot Robbie, Jared Leto, e Viola Davis, è uscito nelle sale statunitensi il 5 agosto e ha già incassato oltre $ 135.100.000 superando di gran lunga l’incasso di 943.000.00 $ dei Guardiani della Galassia del 2014. Il film ha accumulato un ulteriore $ 132.000.000 in oltre 57 territori internazionali per un incasso mondiale di $ 267.100.000. Numeri che confermano la tendenza più che positiva del titolo Warner nelle sale americane e non, in attesa della risposta delle sale italiane.

Suicide Squad - Il movie poster

Suicide Squad – Il movie poster

Suicide Squad: l’anteprima – Tutto quello che avreste voluto in fumetto al cinema

Mercoledì 3 agosto 2016 – Nella cornice degli eventi estivi di Roma sulle rive del Tevere che scorre nella città eterna, e più precisamente sull’isola Tiberina, si è svolto nella giornata di ieri l’evento mondiale dedicato al film Suicide Squad. All’ingresso della scalinata di accesso dell’Isola, sul lato desto e sinistro sono stati apposti pannelli che riproducevano i character poster dei personaggi dell’intera Squadra, proprio quelli che tempo fa vi avevamo anticipato qui.
Nell’area dedicata al cinema è stato allestito un intero nucleo con sedie perimetrato da un banco su cui sono state disposte le copie delle riviste CIAK e BEST MOVIE per la distribuzione gratuita, oltre che di palette a forma di maschera dei protagonisti della Task Force X.
Ad animare l’evento c’erano la conduttrice televisiva e radiofonica Mariolina Simone e Andrea Francesco Berni del sito di informazione cinematografica BadTaste.it. Tanti i fans intervenuti, ma alcuni di nostra conoscenza hanno aggiunto quel quid che ci si aspettava, infatti era presente, anche questa volta, il fan club Gotham Shadows di Riccardo Loforte che ha portato due fantastiche “ombre” dedicate al Joker e Harley Quinn, rappresentati rispettivamente dai fratelli Federico e Alessandra Catarinelli che vedete in questa foto qui sotto insieme al disegnatore Emanuel Simeoni.
Come vi anticipavo, ad arricchire il parterre la presenza del disegnatore di Batman Emanuel Simeoni qui alle prese con un Joker.
Supervisore del buon esito di tutto Barbara Pavone in qualità di Vice President of Group Marketing della Warner.
Tanti i cosplayer accorsi in costume per celebrare l’evento: una ghiotta occasione per fotografi, modelle e modelli che hanno potuto utilizzare una gabbia con sbarre di colore verde che aveva sullo sfondo la riproduzione fotografica di alcuni personaggi della Suicide Squad ad altezza naturale. Per ingannare l’attesa dell’arrivo dell’intero cast sul fucsia carpet di Londra trasmesso su grande schermo, tanti sono stati i giochi a quiz con premi a disposizione per il pubblico. Le vincite consistevano in gadget esclusivi dedicati al film e ingressi per l’anteprima del film. Verso le 18.30 si sono avvicendati sul tappeto rosso tutti protagonisti della pellicola, il regista David Ayer, i produttori Charles Roven e Richard Suckle, il co-produttore Andrew Horwitz, così come tanto attesi membri del cast: Will Smith, Margot Robbie, Jared Leto, Karen Fukuhara, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Jay Hernandez, Jai Courtney, Joel Kinnaman e Cara Delevingne.
I fratelli Federico e Alessandra Catarinelli sono stati selezionati per la diretta con Will Smith cosicchè l’attore ha potuto vedere i figuranti dei Gotham Shadows posti davanti ai propri fans. Tutti gli attori partecipanti alla premiere hanno dimostrato un entusiasmo molto acceso con i fans rispondendo in modo articolato alle tante domande ricevute.
Al termine dell’evento ci si è spostati presso il Cinema Reale che dista pochissimo dall’Isola Tiberina, per la proiezione del film in anteprima.
All’ingresso venivano distribuite delle cards plastificate con un codice QR per scaricare dal 5 al 26 Agosto l’album Suicide Squad che contiene musica inedita di Twenty one Pilots, Skrillex, Wiz Khalifa e molti altri. Nella sala con grande piacere abbiamo trovato Matteo Casali ed altri illustri suoi colleghi.
Mariolina Simone e Andrea Francesco Berni hanno preso la parola per un breve intervento prima dell’inizio del film, ai quali si è aggiunta la presenza di Nicola Maccanico direttore generale Warner Bros. Italia. Vi riportiamo il loro intervento qui sotto:

Buio in sala… è iniziato il film.

Nessuno spoiler in questo post, ma quando si sono accese di nuovo le luci vi confermo che un applauso di più della metà della sala ha calorosamente accolto il film. Effettivamente è stato un lungometraggio colorato, veloce, dinamico, fresco, divertente proprio come un fumetto, accompagnato da una colonna sonora meritevole.
Durante la visione si sono colti dei riferimenti ai fumetti ed in particolare ad una illustrazione di Alex Ross che devo assolutamente anticiparvi. Una gioia per gli occhi.

Sono state riscritte in modo cinematografico le origini del Joker e di Harley Quinn i quali insieme fanno un “romantico tuffo” (nel vero senso della parola) citando il film di Batman del 1989 diretto da Tim Burton, ma soprattutto ricordando il fumetto dell’ormai settantaseienne principe pagliaccio del crimine.

Purtroppo ci spiace registrare pareri discordanti che ancora si accavallano. Secondo l’ottimo Andrea Guglielmino, giornalista di cinecittalucemagazine.it (qui trovate il suo breve saggio su Batman e il culto dei morti) il film “riguadagna se non altro un po’ di leggerezza, freschezza formale e spirito camp”, di parere contrario è Emanuel Simeoni che la prende un po con la regia del film, dubbiosa è Maria Francesca Focarelli Barone (questa la sua pagina FB) de Il Bar del Fumetto sull’utilizzo dei personaggi, entusiasta, sentito a caldo è Matteo Casali il quale anche dal proprio account Facebook posta: “SUICIDE SQUAD è un film divertente e ben fatto”, stessa opinione di Riccardo Loforte dei Gotham Shadows.
Il mio personale invito è quello di andare senza alcuna aspettativa e di godervi questo bel film con il consiglio di alzarvi dalla poltrona solo dopo i titoli di coda per poter vedere una sequenza extra che si svolge nell’ufficio della Regina Bianca di Checkmate memoria Amanda Waller, qui sotto omaggiata dal disegnatore Max Moda.
Prima di concludere e’ doveroso segnalare il concorso UCI Cinemas che vedete in promozione  qui sotto. Se fate ben attenzione nel filmato c’e’ una illustrazione del disegnatore DC Comics e del Batman v Superman Concept Artbook e Dead xx Squad Pasquale Qualano.
 UCI Cinemas premia anche i più creativi: tutti coloro che creeranno una fan art ispirata al film potranno vincere una giacca SUICIDE SQUAD Will Coat offerta da Matchless London.
Infine, chi acquisterà un biglietto per la visione di Suicide Squad negli UCI CINEMAS potrà partire per un fantastico viaggio a Los Angeles, per visitare gli studios Warner Bros, partecipare al tour esclusivo degli uffici DC Entertainment e incontrare Jim Lee uno dei creatori dei supereroi DC Comics.
Siete abbastanza cattivi per vincere?
Mi raccomando conservate tutti il biglietto di ingresso al cinema.
Ci diamo tutti appuntamento per il 13 Agosto? Io ci sono e voi?

Comic-Con 2016: Suicide Squad sbanca

Concluso il Comic-Con 2016 si cominciano a tirare le somme. Di quale film si è chiacchierato di più? Il sito americano Variety ha rilasciato una classifica, con tanto di dati, che mi mostra chi ha avuto successo quest’anno. I calcoli sono stati fatti in base all’uso degli hashtag su internet e alle visite sulle pagine ufficiali. Quindi, a questi calcoli potreste aver partecipato anche tutti noi!

A primeggiare tra i film, come dimostrano i dati qui sopra riporati, c’è Suicide Squad. Un po’ ce lo aspettavamo da un film così atteso.

Previsto in uscita qui in Italia il prossimo 13 agosto, non c’è da stupirsi che uno dei panel più attesi di questa edizione del Comic Con fosse quello dedicato a Suicide Squad.
Davanti a Will Smith, Jared Leto, Margot Robbie,Joel Kinnaman, Viola Davis, Jai Courtney, Jay Hernandez, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Scott Eastwood, Cara Delevingne, Adam Beach, Karen Fukuhara e del regista e sceneggiatore David Ayer, il pubblico presente al panel ha avuto la possibilità di vedere in anteprima il nuovo trailer della pellicola.

Stando ben attenti a non rivelare nulla sulla trama del film, sia gli attori che Ayer hanno parlato delle influenze che hanno avuto e di che cosa ha significato per loro girare Suicide Squad: Margot Robbie ha rivelato di aver fatto tutti i suoi stunt e Viola Davis ha ammesso di essersi sentita molta in sintonia con il suo personaggio. Il regista ha proseguito dicendo: “Sono un grande fan del fumetto e proprio per questo ho cercato di fare in modo che i costumi, le musiche e i personaggi trasmettessero allo spettatore l’atmosfera del comic originale”. Jared Leto ha infine aggiunto di aver girato tutte le sue scene quando il resto del cast si trovava già sul set da tempo e ha annunciato il suo arrivo riempiendoli di “regali” piuttosto disgustosi (per esempio ha recapitato alla Robbie un topo morto).

Tra i villain protagonisti c’è anche la pericolosa Katana, cattiva DC che combatte con una prestigiosa arma bianca giapponese e interpretata nel film di David Ayer dalla giovanissima Karen Fukuhara, qui al suo debutto sul grande schermo.

Hollywood Reporter, nel corso di un’intervista all’attrice, ha raccontato che la sua audizione per la parte, che si è svolta in due provini diversi. Ecco le sue parole:

«Il mio manager mi ha fatto fare il primo provino, che consisteva in combattimento sportivo, arti marziali e recitazione. È stato poi registrato. Con il secondo, invece, nella stanza c’era anche David [Ayer]. Erano molto reticenti nel rivelare le battute dello script, quindi non ho letto nulla che fosse scritto nel copione originale. Ricordo che la stanza non era molto grande e che c’erano grandi luci sparate su di me. Durante la fase dell’audizione con il combattimento con la spada, ho provato a calcolare la lunghezza del mio braccio e quella della spada, in modo da non colpire qualcosa, ma il taglio ci è andato molto vicino. Ho colpito una delle luci e ricordo di aver visto sussultare parecchio David e il direttore del casting. Ma ho continuato comunque il mio provino, e penso che a David sia piaciuta proprio la mia perseveranza, il fatto che non mi sia fermata nel bel mezzo dell’audizione».

Vi ricordiamo che chiunque voglia vedere il film in antemprima può partecipare al grande concorso varato dalla Warner. Per informazioni rimandiamo al nostro articolo qui.