Zagor/Flash: la scure e il fulmine

Dopo Batman e Dylan Dog, arriva “La Scure e il Fulmine”, il numero 0 del crossover tra Flash e Zagor, la nuova collaborazione tra Sergio Bonelli Editore e DC. Disponibile in due versioni con copertine diverse e distribuito esclusivamente in fumetteria e sul sito Bonelli dal 10 dicembre 2020.

Continua a leggere

DYLAN DOG / BATMAN ( Recensione )


Solamente fino a un anno fa, l’idea di vedere insieme personaggi Dc Comics e Sergio Bonelli Editore era solo un’utopistica fantasia nerd, destinata a rimanere nella mente di tanti appassionati senza alcuna speranza che si avverasse.

Ebbene, ciò che sembrava impossibile alla fine è accaduto, e in occasione di Lucca Comics & Games 2019 è stato annunciato, a sorpresa, un numero zero che avrebbe fatto da apripista a un evento epocale: il primo crossover tra due dei personaggi più amati del colosso editoriale di Burbank e la più importante casa editrice italiana, ovvero Batman e Dylan Dog.

Roberto Recchioni, attuale curatore della serie dell’Indagatore dell’incubo, è la mente dietro a questo inaspettato team-up, che metterà a confronto due charachter apparentemente opposti, ma che in realtà hanno anche dei punti in comune. Entrambi infatti sono dei detective, con un lato oscuro che spesso li tormenta, e combattono quotidianamente contro freak e personaggi ambigui e crudeli.

Recchioni decide di puntare subito in alto, schierando le loro due nemesi per eccellenza: Joker e il dott. Xabaras. Grazie a un abile esercizio di “ret-con” scopriamo che i due si sono già incontrati in passato e a quanto pare le loro strade sono destinate a incrociarsi di nuovo… Dopodiché viene riproposto sotto questa nuova luce il primo faccia a faccia tra Xabaras e suo figlio Dylan, raccontato proprio nel primo, storico, numero scritto da Tiziano Sclavi, reinterpretato poi successivamente dallo stesso Recchioni, in una nuova versione a colori sempre presente in questo volume.

Un mese e mezzo dopo Lucca, infatti, come “regalo di Natale” per chi non era riuscito ad andare alla fiera, la Sergio Bonelli ha fatto uscire un volume contenente 4 storie complete, che servisse a introdurre a lettori vecchi e nuovi i due protagonisti e le loro nemesi.

Oltre quindi al succitato numero zero del crossover, potrete leggere La nuova alba dei morti viventi, realizzata dallo stesso team della serie Orfani, ovvero Roberto Recchioni e Emiliano Mammucari, che ci ripropone appunto il primo numero di Dylan Dog, ma in una versione più moderna e compressa, oltre che a colori. Da segnalare l’originale escamotage di utilizzare come voce narrante la custodia del clarinetto di Dylan (!), ma soprattutto i neofiti del personaggio potranno comprendere meglio il collegamento con quanto visto nel numero zero di Dylan Dog/Batman.

Gli appassionati dell’Uomo Pipistrello, invece, potranno godersi la primissima apparizione del Joker, a opera di Bob Kane e Bill Finger, dalla quale si evinceva già tutta la carica eversiva del personaggio, pur con le ovvie ingenuità dell’epoca, sia a livello grafico che narrativo. Mentre si chiude in bellezza con la potenza visiva del tratto di Neal Adams, nella celebre storia La vendetta in cinque punti del Joker, scritta dal grande Dennis O’Neal, autore di uno dei più memorabili cicli del Pipistrello negli anni Settanta, proprio in coppia con Adams.

Si tratta di due racconti fortemente caratterizzati dai loro disegnatori, che hanno saputo dare un’impronta unica al loro lavoro e ai personaggi che hanno raffigurato, sia che si trattasse del tratto naif ma seminale di Bob Kane, che di quello più realistico e iconico di Adams.

In sostanza, questi 4 racconti si possono considerare dei piccoli assaggi in attesa della portata principale, che sarà il primo numero di questo team-up finora solo sognato dai lettori nostrani. Le premesse sono buone, così come il potenziale per sfornare una grande storia. La scrittura moderna e dinamica di Recchioni, unita al suo sarcasmo tagliente e all’amore per i fumetti di supereroi, fanno ben sperare, così come le ottime tavole di Werther Dell’Edera, inchiostrate da Gigi Cavenago, che col loro tratto cinetico e stilizzato si dimostrano perfetti nelle sequenze d’azione, ma anche molto espressivi e convincenti, soprattutto quando si tratta di rappresentare personaggi sfaccettati e complessi come Joker e Xabaras.

Se anche voi non state nella pelle per leggere il primo numero di Dylan Dog/Batman e volete conoscere meglio i due personaggi, o recuperare alcune loro storie più rappresentative, questo volume è ciò che fa al caso vostro.

 

Voto: 7 ½

Marco “Spider-Ci” Novelli

Intervista a Mariano De Biase

In occasione della fiera del fumetto di Milano Cartoomics 2017 ho avuto l’opportunita’ di fare conoscenza di un altro ottimo disegnatore: Mariano De Biase classe 1982 nasce ad Oristano, ma diventa piacentino di adozione. Proprio a Piacenza si diplomerà presso il liceo artistico.
Nel 2006 esce dalla scuola del fumetto di Milano, per la quale pubblica “Cuccioloidi!”, manifesto della sua passione/ossessione per i cani di razza carlino.
In seguito collabora con Giuseppe di Bernardo a L’Insonne, con Coniglio editore scrivendo e disegnando alcune miniserie per X Comics e Blue, per poi approdare, nell’estate del 2007, alla Sergio Bonelli Editore, dove comincia a collaborare con Antonio Serra nello staff neveriano, lavorando su Agenzia Alfa e Universo Alfa.
Nel frattempo collabora anche per la ReNoir Comics, in cui disegna Don Camillo a fumetti, collaborando, tra gli altri, anche con Giacomo Pueroni, il fumettista (mio carissimo amico) recentemente scomparso per sclerosi laterale amiotrofica.
A Mariano ho avuto l’occasione di chiedere due sketch dedicati a Batman e li condivido volentieri con tutti voi.

Stefano: Ciao Mariano e benvenuto su Batman Crime Solver

Ciao, grazie a te (voi)!

Stefano: Cosa leggevi quando eri bambino?

Ho iniziato a disegnare intorno ai 3 anni, ero pazzo per i dinosauri e ne disegnavo pure sui muri di casa. Imparai a disegnare prima di imparare a scrivere o leggere, in quegli anni non conoscevo i fumetti, i miei disegni erano influenzati dai cartoni animati che guardavo. Erano gli anni della Filmation, ricordo He-Man, Bravestarr e i Ghostbusters, ma quelli con lo scimmione, non la versione più conosciuta di Reitman. Ah e poi c’erano i Dinoriders, probabilmente la cosa più bella nell’intera storia dell’umanità.
Comprai il mio primo fumetto a 9 anni, era un numero di Ken il guerriero della Granata Press. Pensai: “guarda, fanno il giornalino dei cartoni animati!”
Un giorno un compagno delle elementari tirò fuori dallo zaino un altro fumetto: era il numero 79 di Dylan Dog (la fata del male) coi disegni dell’ottimo Rinaldi: c’era la bambola di un bambino che prendeva vita e lo strangolava, quindi risucchiava la vita dalla madre con un bacio riducendola a una specie di mummia, per poi allontanarsi esclamando: “e ora via, verso nuove avventure!”
Ero finito.

Stefano: C’e’ qualche disegnatore che ha particolarmente colpito e al quale ti ispiri?

“Qualche”? Cerco di non citarti i 1520 che dovrei e vedo di limitarmi: il Tetsuo Hara in stato di grazia dei Ken che leggevo da piccolo, tanti autori Bonelli tra cui Castellini che da bambino amavo alla follia e costituì il mio ponte con i fumetti Marvel che cominciai a leggere tra elementari e medie; l’uomo ragno di John Buscema inchiostrato da Ross Andru, Alan Davis con le chine di Mark Farmer su Captain Britain e chissà quante altre matite della Casa delle idee. Al liceo fui immancabilmente fulminato da Pazienza e, negli anni della scuola del fumetto -nella quale entrai presentando storie mutuate da quel tipo di segno e da quel tipo di atmosfere- conobbi Alessandro Baggi e amai alla follia tutto il suo mondo di pesci preistorici e uomini oca, di solitudini in microscopici monolocali, le sue pagine di diario, le lune ad acrilico bianco sui cieli di retino. Compresi il fumetto in maniera completamente nuova e tanto di quell’esperienza si trasferì sulle pagine della mia prima pubblicazione, “Cuccioloidi”.
Poi Mignola, Risso, Zonjic e tutta quella scuola di autori dai bianchi e neri netti, la personale riappacificazione coi manga dopo un certo snobismo accademico, il grottesco di Junji Ito e Suehiro Maruo, Hideo Yamamoto e opere immense come Homunculus…basta o non mi fermo più.

Stefano: Come sei approdato al progetto Universo Alfa e Agenzia Alfa?

Conobbi Antonio Serra ancora prima di finire la scuola del fumetto di Milano. Leggevo Bonelli sin da piccolo e, dal momento in cui la decisione di fare del fumetto un lavoro si era fatta concreta -al liceo, più o meno- questa casa editrice divenne il mio obbiettivo: andavo spesso da lui a mostrargli le mie tavole e, nonostante fossero ancora molto acerbe, c’era un aspetto sci-fi bizzarro (carlini alieni che invadevano la terra su astronavi a forma di ciambella, armate di pinguini parlanti che sparavano raggi laser dal becco) che gli piacque subito.
Di lì a poco entrai in Bonelli e, sempre nello staff di Antonio, cominciai a prestare le chine alle tavole di alcuni autori, dapprima su Agenzia Alfa, poi spostandomi su Universo Alfa. Lavorai su centinaia di tavole prima di farmi le ossa e cominciare a muovere i primi passi come disegnatore completo, sempre su Agenzia Alfa. Una bella gavetta.
Stefano: Al tuo stand ho visto che hai realizzato delle commission di Alien e Predator. Raccontami del tuo rapporto con la fantascienza?

In realtà non sono legato in maniera così stretta alla fantascienza, quanto agli horror e ai Monster movies. I miei film preferiti di questo genere, in effetti, sono horror ambientati nel futuro o comunque legati a elementi sci-fi. Per intenderci: la saga di Alien ha per me un valore affettivo immenso, quella di Star Wars per nulla.

Stefano: Ci illustri brevemente le tue tecniche e il tuo metodo di lavoro?

Comincio realizzando sequenze estratte dalla sceneggiatura di piccoli layout, poi li ingrandisco e li stampo in formato A4, ed è su questi che definisco le matite vere e proprie, correggendo tutto quello che serve e conservando qualche buona intuizione.
Quindi procedo all’inchiostrazione. Ho pochi strumenti: il fidato pennello Winsor & Newton serie 3 nr.7 che fa la maggior parte del lavoro e pigment liner di varie misure per gli elementi tecnologici che nei fumetti di fantascienza abbondano, e che difficilmente si possono ripassare a pennello con sufficiente precisione.
Recentemente ho comprato una Cintiq Wacom, ma la uso più che altro per colorare. Non credo che comincerò a disegnare in digitale in tempi brevi, sono ancora troppo legato all’aspetto artigianale di questo lavoro.

Stefano: Quali sono i tuoi progetti futuri? Hai in programma qualcosa di nuovo?

Una marea di cose…che mi terrà impegnato almeno fino al 2019 e della quale non posso ancora parlare! Come se già non fosse abbastanza difficile convincere la gente che fare il fumettista è un lavoro vero.
Tra i progetti non top secret, di sicuro c’è un intero volume di Agenzia Alfa, la storia più lunga che abbia mai disegnato -290 pagine- e che dovrebbe vedere la luce, appunto, nel 2019.

Stefano: Una domanda obbligatoria. Ti piace il personaggio di Batman e perche’?

Moltissimo, anche perché è legato alla mia infanzia. Sono cresciuto con la serie di Adam West in tv e i cazzottoni con le scritte animate, e il primo film visto al cinema di cui ho memoria è proprio il Batman di Tim Burton: era l’89, avevo 7 anni.
Poi nel ’92 ci fu la meravigliosa serie animata. Solo anni più tardi ne avrei compreso pienamente la qualità e all’epoca nemmeno sapevo chi fosse Bruce Timm, ma comunque non mi perdevo un episodio e avevo tutti i giocattoli; ancora adesso la Batmobile è sopra al mio tavolo da disegno, nel mio studio.
I film più recenti li ho visti con meno interesse, mi sembra abbiano spogliato il personaggio della sua dimensione fumettistica. E non è colpa di Nolan, sono proprio tempi in cui si pretende di dare una patina di verosimiglianza seriosa pure ai Power rangers, come se robottoni e tutine fossero una colpa.
Forse sto solo invecchiando io.
Stefano: Grazie per averci dedicato il tuo tempo Mariano e in bocca al lupo per la tua carriera!

Grazie a voi per la chiacchierata, a presto!