La battaglia del secolo

Batman v Superman

Batman v Superman

Il coreografo dei combattimenti di Batman v Superman parla del grande scontro

Prendo spunto dal titolo usato per la collana fumetti edita dalla Panini Comics negli anni 90, per evidenziare le parole del coreografo Guillermo Grispo, che ci parla di come ha impostato le sequenze del film su cui da mesi Zack Snyder sta lavorando: Batman v Superman: Dawn of Justice. Siamo ormai abituati al fatto che gli sceneggiatori di film tratti da fumetti cerchino ispirazione nelle storie cartacee. Quali potrebbero essere le storie da cui trarre ispirazione per questo epico scontro?
Tante sono le storie che avrebbero potuto offrire buon materiale al team creativo del film.

Durante un’intervista rilasciata al sito spagnolo Los Andes Diario, il coreografo Guillermo Grispo ha rivelato alcuni interessanti dettagli sul tanto atteso Batman V Superman: Dawn of Justice, preannunciando un’epica battaglia e grandi combattimenti senza precedenti per i due eroi DC.

Batman combatterà contro Superman. Questa è una delle nostre poche certezze riguardanti la trama di Batman v Superman: Dawn of Justice, ma come è stato coreografato il combattimento tra i due supereroi DC? Lo stesso Guillermo Grispo (300, Sucker Punch, L’Uomo d’Acciaio) coordinatore anche degli stunt e dei combattimenti  ha fornito qualche dettaglio sullo scontro:
“Alla Warner Bros sono davvero severi, quindi non posso dire molto ma non c’è da stupirsi se dico che Batman e Superman si trovano faccia a faccia nel film. È una delle più importanti sequenze e sono stato attivamente coinvolto nella progettazione del combattimento: lo scambio dei pugni e il movimento fisico sono stati messi insieme con il mio partner Ryan Watson.
C’è il pensiero che Batman non abbia alcuna possibilità, che l’altro lo schiaccerà come un verme. Ma quando vedrete il film e come tutto avverrà, c’è una spiegazione davvero intelligente sul perché si confonteranno in prima persona anche se Batman sembra essere in totale svantaggio”.

In merito al personaggio di Batman e alle precedenti trasposizioni cinematografiche del Cavaliere Oscuro, ha inoltre aggiunto:

“Batman combatterà nel modo che ho sempre sognato. È un personaggio che vanta una certa preparazione nelle arti marziali, malgrado generalmente i filmmaker tralascino questo aspetto. Anche nell’ultimo film di Christopher Nolan, le scene d’azione non sono molto buone da un punto di vista tecnico della ripresa, della coreografia o dei movimenti della macchina da presa. Non fraintendetemi, Nolan è un grande regista. Realizza storie affascinanti, ma ritengo non abbia prestato molta attenzione ai combattimenti. Questi sono dettagli che Zack ama preparare e penso che quando vedrete il nuovo Batman in azione noterete un enorme differenza rispetto ai suoi predecessori”.

Ma preparare le scene d’azione non è poi così facile, perché bisogna tener conto di molte, ha spiegato Grispo:

“Puoi arrivare e dire ‘Bene, ora voglio colpire contro quella finestra e voglio romperla’ e ti viene detto ‘No, no, stop!’ perché non è possibile girare la cinepresa qui o là per via dell’illuminazione, o perché l’estensione digitale è stata preparata fino a un certo punto.
Per esempio, immaginate una lotta in esterno a Gotham: dico ‘Bene, in questa scena voglio un angolo che guarda verso l’alto quando sta dando il calcio’, e mi è stato detto ‘No, guarda, se si guarda verso l’alto costerà alla produzione 80.000$ in più perché dovremo aggiungere l’estensione digitale dagli edifici fino alle nuvole, quindi prova a trovare qualcos’altro perché è più economico’ [ride]”.

Justice League il film: Attori diversi per l’interpretazione dei supereroi?

Circola la voce che a differenza di quanto dichiarato fino a questo momento, la Warner Brothers stia considerando di non fare alcun cross-over tra il film della Justice League e i film dei singoli supereroi DC, portando così alla presenza sul grande schermo, alla contemporanea presenza di più versioni dello stesso personaggio…

La Warner sta lavorando alacremente al film della Justice League d’America e Will Beall sta scrivendo la sceneggiatura, ma al momento il film non ha ancora un regista. Ci chiediamo quanto sarà legato ai precedenti film prodotti dalla DC? Sappiamo che non dovrebbe avere niente a che fare con la trilogia di Batman di Nolan, ma sono circolate possibili voci sul coinvolgimento di Henry Cavill e l’inserimento di alcuni riferimenti sull’esistenza degli altri supereroi nel film dell’Uomo d’Acciaio.

Batman on film riporta che secondo una loro fonte fidata, la Warner ha considerato da molto tempo la possibilità di realizzare il mondo della Justice League, senza alcun collegamento con le future franchise basate sui vari personaggi DC. Un’idea simile era stata già sviluppata per Justice League: Mortal di George Miller che avrebbe avuto una propria continuità e un proprio cast, in cui Armie Hammer avrebbe interpretato Batman e D.J. Cotrona Superman, al posto di Bale impegnato in Batman Begins e di Routh in Superman Returns.


Qui il regista Zack Snyder ci parla del suo nuovo Sucker Punch film, ma parla anche della sua versione di Superman e il Batman di Christopher Nolan che saranno completamente separati al film Justice League previsto dalla Warner Bros.

Secondo un’altra fonte, il film:

“Verrà prodotto come se non fosse stato realizzato niente prima di questa pellicola”.

Quindi ipotizziamo che non ci sarà alcun collegamento nemmeno con L’Uomo d’Acciaio, come aveva dichiarato inizialmente Snyder sul tappeto rosso di Sucker Punch.

“La Justice League è per conto suo, ha il suo Batman, il suo Superman”.

Se questa secondo voce ha ragione, contraddirebbe le ultime voci che parlano di un possibile coinvolgimento di Cavill.
Quindi se procederà il piano del reboot dell’uomo pipistrello, prossimamente sul grande schermo avremmo tre versioni di Batman e, tre versioni di Superman, se contiamo anche la presenza dei due supereroi in Lego: The Piece of Resistance. Per il momento questa è solo una voce.

Alla Warner stanno ancora decidendo come impostare l’universo cinematografico DC e, nonostante il successo della Marvel nel voler interconnettere le varie proprietà, la Warner sembra ancora avere dei dubbi sulla fattibilità del progetto. Ma se la Warner procederà a realizzare diverse versioni dei suoi supereroi, come nei fumetti e nelle serie animate, gli spettatori rischieranno di rimanere confusi da questa scelta? Oppure è una buona idea? Diteci la vostra impressione, aspettiamo i vostri commenti.