Caro Batman…di Dan Cutali

Batman Crime Solver, si onora di avere tra le partecipazioni più importanti, oltre che tantissimi disegnatori professionisti e non, anche diversi giornalisti e scrittori. Oggi è la volta di Daniele Cutali in arte Dan Cutali, il quale per noi ha già realizzato una recensione sul film Batman v Superman: Dawn of JusticeSuicide Squad (riferimenti e citazioni) , delle bellissime riflessioni sul film Wonder Woman e un bel pezzo sulla distruzione e al rimodellamento dei miti DC Comics Cio’ che forse ancora non sapete è che Daniele, non è un semplice fan della DC Comics, ma è uno scrittore che a tutt’oggi ha al suo attivo già 3 libri e un quarto in lavorazione.

Dan ha pensato di scrivere una lettera a Batman anticipando di un giorno la celebrazione del BDay. Così, travolto dall’entusiasmo, ma anche sopraffatto dalla rabbia che ancora provava dentro di se per l’attentato di Nizza ha redatto questa lettera che state per leggere. Si tratta del punto di vista di un bambino che passeggia con i genitori sulla Promenade des Anglais e che ben presto morirà.

Nizza, 14 Luglio 2016.

Caro Batman,

ti scrivo mentre sto passeggiando sulla Promenade des Anglais, come centinaia di altre persone su questa lingua di asfalto che si affaccia sul Mar Mediterraneo. Sono le 22:20 e siamo tutti in attesa dei fuochi d’artificio serali che concluderanno questa calda giornata. I festeggiamenti sono per la celebrazione della Presa della Bastiglia, festa nazionale in Francia. Nonostante l’atmosfera celebrativa, c’è però qualcosa di pesante che aleggia nell’aria e ho un brutto presentimento in questi giorni. Sono accadute tante cose brutte nel recente passato, in occasione di vari affollamenti. Come vorrei che fossi qui, a sorvegliare la situazione dai tetti degli edifici, degli alberghi, dell’Ospedale Pediatrico Lenval. Come vorrei che tu non vivessi soltanto nella mia fantasia di ragazzino: mi sentirei più sicuro. Ho lasciato i tuoi fumetti in albergo dove i miei genitori hanno preso una camera per passare una settimana di vacanza e il mio pensiero corre a quegli albetti. Se fossi qui ed esistessi davvero, il mondo sarebbe diverso. Di sicuro. Forse non meno pericoloso ma un pelino più sicuro, grazie alla tua vigilanza continua.

La gente continua a passeggiare pasteggiando con un gelato o mangiando con gusto patatine, waffle e altre leccornie. Chissà quali segreti si nascondono nelle strade più in là. Delinquenti che spacciano droga o armi non denunciate. Soltanto tu potresti indagare con coraggio, intervenire e smantellare i loro loschi traffici. Il porto di Nizza è un crogiolo di personaggi cattivi, si sa. Se soltanto fossi qui per davvero e non nelle pagine dei miei fumetti a combattere con super-criminali folli dal sorriso facile e pericoloso. Come, ad esempio, sono sicuro che indagheresti su quegli strani individui che parlottano tra loro attorno a quel grosso camion bianco, parcheggiato all’angolo di Avenue de Fabron, un vicolo piuttosto buio. Ma forse, appunto, ho letto troppi fumetti e vedo criminali dappertutto. La musica di una band arriva molto forte, in fondo alla Promenade. È meglio non pensarci e godersi i fuochi artificiali che cominceranno fra poco. Sono le 22.30, mi proteggerai un’altra volta dall’alto dei tetti. Domani invece mi godrò in TV le repliche della tua bellissima serie animata.

Un abbraccio da un tuo caro lettore e fan.

Se vi è piaciuta la sua lettera, vi anticipo che Daniele ha scritto un intero fumetto per omaggiare uno dei personaggi DC Comics più particolari, ma non desidero svelarvi al momento altro, perché si tratta ancora di un working progress. Ciò che mi fa piacere anticiparvi, sono anche i nomi del disegnatore Michael Formica e del colorista Francesco Grieco. Il fumetto, realizzato non a scopo di lucro, verrà distribuito in formato pdf, tramite il nostro blog.

Annunci

Leonardo DiCaprio sarà Joker nel film di Martin Scorsese?

Immaginatevi Leonardo DiCaprio nel ruolo del cattivo peggiore di tutti i tempi, e adesso pensate che la realizzazione del film sia di Martin Scorsese: ne uscirebbe un mix degno di nota – che ovviamente speriamo si realizzi.

Se dovesse realmente accadere, questa è una delle cose che potrebbero fare la storia del cinema: stiamo parlando di Leonardo DiCaprio nel ruolo di Joker nel film che sta immaginando Martin Scorsese.

Le origini del Joker il film – Leonardo DiCaprio

Leonardo DiCaprio sarà Joker?

Già il fatto che Martin Scorsese avesse deciso di girare un film sulle origini di Joker aveva mandato in subbuglio noi fan del cinema e del mondo dei comics, e adesso che è uscito il nome dell’attore in cima alla lista dei preferiti per il ruolo, c’è ancora più fermento. Secondo alcuni rumors trapelati da Hollywood sembra che la Warner Bros voglia nel ruolo di Joker nientemeno che Leonardo DiCaprio, l’attore premio Oscar per The Revenant, che però non si sarebbe ancora espresso sulla vicenda. Una notizia bomba per noi fan, anche se vedere la star in una parte così diversa da quelle che solitamente interpreta sarebbe davvero una bella novità (così come è interessante il film sulle origini del Joker). Qualche settimana fa è uscita la news che Martin Scorsese aveva intenzione di rivisitare le origini di Joker e creare una pellicola a parte, che non avesse nulla a che vedere con gli altri film usciti finora sul cattivo più cattivo di Batman. Tanto che questo aveva fatto inizialmente discutere per il fatto che adesso è Jared Leto a personificare il Joker dopo la sua straordinaria interpretazione in Suicide Squad.

La collaborazione tra DiCaprio e Scorsese

La collaborazione tra Leonardo DiCaprio e Martin Scorsese è iniziata diversi anni fa con Gangs of New York nel 2002: hanno continuato poi nel 2004 con The Aviator e nel 2006 con The Departed, consolidando così un sodalizio professionale di tutto rispetto. Con Scorsese, DiCaprio ha girato anche Shutter Island, The Wolf of Wall Street e The Audition: e sempre con Scorsese è stato più volte vicino a vincere l’Oscar, che però poi è riuscito ad avere grazie al regista Alejandro G. Iñárritu per The Revenant. Per tutto questo percorso professionale quindi, non è detto che davvero Leonardo DiCaprio non decida di interpretare il Joker di Martin Scorsese: quanti sarebbero entusiasti di vederlo nei panni dello psicopatico dal sorriso rosso che vuole solo sterminare Batman e le forze del bene?

Un ruolo dedicato ai migliori

Batman 1989 Jack Nicholson è Joker

Il ruolo di Joker è sempre stato molto ambito e, soprattutto, affidato ai più grandi attori della storia. Il primo è stato interpretato dallo splendido Jack Nicholson, mentre il secondo – molto discusso – dall’attore Heath Ledger. Soprattutto su quest’ultimo si è alimentata una leggenda, che avrebbe voluto la star uccidersi a causa dello stato di turbamento mentale provocatogli dall’interpretare il pazzo psicotico del Joker. A smentire questa tesi è stata la moglie Michelle Williams, che ha attribuito il decesso a uno sbaglio sull’assunzione di farmaci, che è stato fatale per l’organismo dell’attore. Terzo a dare il volto a Joker è stato Jared Leto, che si dice addirittura non sia mai uscito dalla parte durante tutta la durata delle riprese: tanto che Margot Robbie, che in Suicide Squad era la sua partner, lo ha definito decisamente inquietante. Il quarto Joker sarà Leonardo DiCaprio? Speriamo ovviamente si si.

 

 

L’ombra del crociato incappucciato potrebbe comparire in ben sei film nel 2019

Da alcune indiscrezioni tratte dal sito ScreenRant, l’ombra del Cavaliere Oscuro, si allungherà per altri sei film previsti da casa Warner Bros nell’anno 2019.
Quindi oltre alla prossima interpretazione di Ben Affleck, nella pellicola Justice League (qui potete trovare poster e trailer), in uscita il prossimo 23 novembre in Italia ne sono previste altre.

Per il giorno di San Valentino dovrebbe uscire Gotham City Sirens, diretto da David Ayer, già regista di Suicide Squad, con Margot Robbie che tornerà nel ruolo di Harley Quinn.

Le Sirene di Gotham #24 – Apparso qui in Italia su LE SIRENE DI GOTHAM N.4: Divisione edito da RW Lion by Lorenzo Ruggiero

Per il Memorial Day (29 Maggio) dovrebbe arrivare Nightwing, diretto da Chris McKay (LEGO Batman: Il Film). La stessa fonte riporta che Grant Wilson, alias Ravager, dovrebbe essere il villain.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel mese di agosto potrebbe uscire Batgirl di Joss Whedon, attualmente al lavoro per terminare Justice League dopo l’abbandono di Zack Snyder.

A novembre dovrebbe essere la volta di The Batman, diretto da Matt Reeves (War – Il Pianeta delle Scimmie).

Inoltre, sempre nel 2019, dovrebbero uscire due film animati con Batman della serie DC Universe. Uno sarà Batman: The Long Halloween, adattamento della celebre graphic novel di Jeph Loeb e Tim Sale.

Sempre la stessa fonte riporta che Jaume Collet-Serra (Paradise Beach – Dentro l’incubo) e Ruben Fleischer (Zombieland) sono in lizza per dirigere Suicide Squad 2.

Jonathan Levine (Warm Bodies) è in trattative per dirigere The Flash, in uscita nel 2020.

The Flash

Si tratta logicamente di rumor da prendere con le dovute cautele anche perchè non c’è alcuna ufficialità.

 

JUSTICE LEAGUE vs SUICIDE SQUAD, la miniserie-evento della Rinascita Dc ! ( Recensione )

LO PUOI LEGGERE SU: Justice League America – Rinascita, nn.1-3 ( spillati, RW-Lion )

AUTORI: Joshua Williamson, Jason Fabok, Tony S. Daniel

SINOSSI:

Batman ha scoperto l’esistenza della Task Force X di Amanda Waller e decide di fermare questa banda di ex detenuti, spalleggiato anche dagli altri membri della Justice League. Nel frattempo, Maxwell Lord libera da una prigione di massima sicurezza dei pericolosissimi supercriminali, affinché lo aiutino a portare avanti i suoi folli piani per “salvare” il mondo !

 

PRO: Tanta azione e divertimento, sorretto da un buon apparato grafico, soprattutto nel primo capitolo, che beneficia delle potenti tavole di Jason Fabok.

CONTRO: La trama non brilla per originalità ed è palesemente un pretesto per far scontrare i due gruppi più famosi dell’universo Dc, col preciso intento di accontentare il fandom.

GIUDIZIO COMPLESSIVO:

Justice League vs Suicide Squad offre esattamente quello che ci si potrebbe aspettare da una miniserie di questo tipo, che già dal titolo riassume chiaramente quale sarà il fulcro della narrazione. Una super-scazzottata tra due squadre agli antipodi, che rappresentano due modi opposti d’intendere la legalità e la giustizia.

Ci troviamo di fronte ad un classico blockbuster fumettistico, esplosivo e fracassone, che riesce nell’intento d’intrattenere e divertire, mettendo in campo tutti i personaggi più amati dell’universo Dc, forti di trasposizioni cinematografiche recentemente uscite in sala o di prossima programmazione.

Se amate questo genere di storie, dunque, non lasciatevi scappare i primi tre numeri del nuovo quindicinale Lion dedicato alla JLA, che racchiuderanno l’intera miniserie-evento della Rinascita Dc.

 

VOTO: 7

 

Marco “Spider-Ci” Novelli

Suicide Squad: intervista al talento italiano Alessadro Bertolazzi

Il talento italiano (vercellese) è stato onorato alla notte degli Oscar grazie a Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini con il primo make-up artist ed il secondo responsabile delle parrucche che ha vinto l’Oscar 2017 per il film Suicide Squad. Un enorme successo per il professionista del make up, che domenica 19 marzo 2017 è stato ospite di Fabio Fazio nello studio di Che tempo che fa, il programma in onda su Rai Tre. Il truccatore (qui in una intervista rilasciata prima della sua vittoria agli Oscar) ha ricevuto i complimenti da tutti dopo essersi conquistato la statuetta dell’Accademy ma forse tra quelli che ha apprezzato di piu’ c’è quello del fratello Stefano, che sulla sua pagina Instagram ha pubblicato una foto del truccatore mentre mostra orgoglioso l’Accademy Award: “Caro fratello, questo è il risultato di passione, lavoro e onestà. Te lo meriti tutto!”. La foto in bianco e nero e la sentita dedica ha accompagnato lo scatto in primo piano facendo il pieno di like e nei commenti i followers di Stefano si sono complimentati ancora una volta con il fratello.

Vercelli ha comunque vinto due volte nella notte degli Oscar 2017. «Thank you so much, Marta», ha detto Bertolazzi. Ai ringraziamenti alla moglie e al figlio, Bertolazzi aggiunge quelli al suo team e a Marta Roggero, che ha fortemente voluto una decina di anni fa al suo fianco. Lei è la sua «key» make up artist, che in gergo sta per «vice», l’assistente più vicina, il braccio destro: «Li ho conosciuti entrambi sul set de “La solitudine dei numeri primi” – spiega l’attore Roberto Sbaratto -, persone eccezionali, che meritano questo successo».

Noi di Batman Crime Solver, siamo lieti mostrarvi l’intervista integrale realizzata da Fabio Fazio, mentre Bertolazzi parla della grande sorpresa ed emozione che ha provato nel vincere la preziosa statuetta, a coronamento di una lunga carriera di grande successo.

Oscar 2017: statuetta per il trucco e acconciatura a Suicide Squad, un premio italiano

I make up artist Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini vincono la statuetta per Suicide Squad. Un pezzetto di cinema italiano agli 89esimi premi Oscar, con due professionisti che lavorano sui set del grande cinema internazionale. Bertolazzi dedica il premio “a tutti i migranti” e aggiunge “Se non ti senti Joker ho fallito”.

Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson

Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson

Dopo aver vinto, con l’interpretazione di Margot Robbie quale “migliore attrice in un film d’azione” il 22° premio annuale Critics’ Choice Awards,  arriva il premio per il trucco e acconciatura degli Oscar 2017. Ed è un riconoscimento che finalmente parla italiano: perché insieme a Christopher Nelson gli altri due vincitori della statuetta per il film sono i make up artist Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini.

«Io arrivo dall’italia quindi questo Oscar lo dedico a tutti gli immigrati». La prima e unica emozione tricolore nella notte di Los Angeles che ha atteso invano «Fuocoammare» di Gianfranco Rosi, ce la regala Alessandro Bertolazzi, piemontese di Vercelli. «Grazie, voglio parlare, devo parlare, ho aspettato per 50 anni e forse di più», ha dichiarato sul palco, rendendo omaggio anche alla moglie Giovanna che lo ha sostenuto «per tutta la vita». Stringe forte in mano la statuetta dell’Oscar che ha appena vinto con l’altro italiano Giorgio Gregorini. Alessandro Bertolazzi ha aggiunto:

Con loro, premiato anche l’americano Christopher Nelson (è nato a Pittsburgh ma vive a Los Angeles da quando aveva 15 anni). In tre hanno vinto l’Oscar per il Miglior make up, con il film «Suicide Squad» (scritto e diretto da David Ayer) e sempre in tre hanno truccato per circa tre ore al giorno i super criminali Margot Robbie e Will Smith.

Sulla carta il film favorito per l’Oscar era Star Trek Beyond, che i bookmakers davano a 1,33, ma visto che questa è l’unica categoria con tre candidati invece della solita cinquina, le chances di Suicide Squad, dato a 5, erano consistenti. Naturalmente per quel bizzarro impasto di commedia e fantascienza che è Suicide Squad, tratto dai fumetti della Dc Comics, l’apporto di trucco e acconciatura è un elemento assolutamente determinante per definire stile del racconto e carattere dei personaggi. Basti pensare infatti all’incredibile lavoro compiuto per il Joker di Jared Leto e l’Harley Quinn di Margot Robbie, due veri capolavori del make up.

Chi sono i nostri designer? Ve lo avevamo anticipato qui parlando in maniera piu’ approfondita del trucco realizzato per il film.

 

Batman Crime Solver compie 5 anni

Ed oggi 4 febbraio 2017 sono esattamente cinque anni. Il nostro blog celebra il suo quinto anno di nascita ed io desideravo ringraziare ancora una volta tutti voi lettori per questa gioia che condividiamo insieme ad ogni notizia o ad ogni scatto o filmato che posso proporvi tramite queste pagine o sui social di Facebook, Twitter Google Plus. Come ho già fatto a fine anno la mia gratitudine in particolare va anche a chi in maniera molto concreta e fattiva ci mette a disposizione il proprio tempo e la propria voglia di Cavaliere Oscuro. Quindi grazie ancora Marco “Spider-Ci” Novelli, che si occupa regolarmente di recensire le saghe fumettistiche (e non solo) più interessanti, allo scrittore Daniele Cutali, che ha realizzato due articoli molto interessanti: uno per quanto riguarda Batman v Superman: Dawn of Justice e un altro che riguarda le citazioni sul film Suicide Squad, a Roberto Pasquale Lestinci, che ci regala degli approfondimenti sui personaggi minori della DC Comics, come ad esempio Killer Moth e Flagello e grazie di cuore anche a Benedetta Benny del blog unreliableher un’appassionata di libri, fumetti e film che adora gli “eroi imperfetti” che ha redatto un paio di articoli molto interessanti come Batman Confidential: Hai capito i tuoi diritti? (Recensione) e Batman: un eroe imperfetto. Grazie anche al mio caro amico Mirko Giovannoni, grande esperto di Batman che si occupa della parte videoludica e dei fumetti. Ma nell’arco di questi lunghi cinque anni è stato nostro ospite anche il giornalista e saggista Andrea Guglielmino (Antropocinema la sua ultima fatica), con il suo pezzo BATMAN E IL CULTO DEI MORTI che ha riscosso molta curiosità da parte di tutti. A coronare il tutto in questi cinque anni, ci sono stati libri e cataloghi illustrati da fantastici disegnatori italiani e scatti, video e interviste “rubati” a tanti protagonisti del mondo di Batman e dintorni. Spero che i nostri sforzi per condividere insieme tutte le notizie e le recensioni continuino ad essere di vostro gradimento. Ancora grazie a tutti, vi abbraccio.