Joker: un piccolo gioiello noir di Brian Azzarello e Lee Bermejo ( Recensione )

LO PUOI LEGGERE SU: Joker, volume unico ( RW-Lion )

Joker-azzrello-bermejo

 

SINOSSI:  Joker è uscito dal manicomio Arkham e vuole riappropriarsi del suo territorio, riaffermando la sua leadership nella criminalità organizzata di Gotham City. A seguire ogni sua mossa ci sarà Jonny Frost, un ladruncolo da quattro soldi che vuole farsi strada nella malavita, ma che scoprirà a sua spese quanto sia crudele e spietato quell’ambiente, specie se si ha a che fare con uno squilibrato come il Clown del Crimine !

 

PRO: I disegni eccezionali di Lee Bermejo, che s’intonano perfettamente con la scrittura cruda e realistica di Brian Azzarello, vero maestro del genere pulp/hard-boiled. Lo sguardo cinico e impietoso col quale viene rappresentata la complessa personalità del Joker, sia quando dà libero sfogo alla sua follia che quando riaffiora il suo lato più umano e fragile.

CONTRO: Gli unici “contro” che posso esprimere sono il fatto che Batman si vede pochissimo ( e io adoro vederlo raffigurato da Bermejo, ma questo alla fine è un racconto sul Joker e solo lui deve essere il protagonista… ) e che vorrei una storia molto più lunga realizzata da questi due grandi autori !

 

GIUDIZIO COMPLESSIVO: Joker è un piccolo gioiello noir che farà felici i tanti fan della nemesi per eccellenza dell’Uomo Pipistrello, ma anche coloro che amano le rivisitazioni più mature e realistiche di personaggi iconici come il Cavaliere Oscuro e la sua folta schiera di avversari. Un vero pugno nello stomaco che vi trascinerà in mezzo ai vicoli più bui e degradati di Gotham City, mostrandovi da vicino il marciume che sta divorando la città come una cancrena, tra droga, furti e prostituzione, stavolta però con gli occhi di chi fa parte di quel mondo e lo vive ogni giorno.

 

VOTO: 8 ½

 

GALLERY:

 

Marco “Spider-Ci” Novelli

Advertisements

4 thoughts on “Joker: un piccolo gioiello noir di Brian Azzarello e Lee Bermejo ( Recensione )

  1. Sì è un vero tuffo nella città del crimine, in una Gotham dove Joker è “la malattia” e Batman “la cur”a. Certo, Bats si vede poco ma è memorabile il pannello in cui dice che lascia esposta una parte del suo viso, senza nasconderlo completamente dietro una maschera, per prendere in giro il suo nemico per “sbattergli in faccia” la sua perfezione. Splendida recensione 🙂

    • Concordo su tutto, compreso il fatto che la recensione è splendida. Il nostro Marco è validissimo.
      Per quanto riguarda il fumetto, non so a te, ma proprio per l’atmosfera che si respira leggendolo, mi ha fatto pensare che gli episodi di Gotham abbiano tratto parecchia ispirazione da questa storia. E’ vero che il personaggio di Batman è per definizione l’uomo della notte, ma rispetto ai tanti fumetti letti, questa è la storia, che per me più si avvicina al clima della serie tv che tanto mi sta entusiasmando.

      • Ho visto solo due episodi di Gotham, per ora, ma concordo. Penso che una degli aspetti più interessanti delle varie incarnazioni di Batman sia anche la possibilità di “vedere” delle Gotham diverse: da quella pre-cataclisma, alla Gotham di anno zero e del nuovo 52 e via dicendo 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...