Il ritorno del Cavaliere Oscuro… che ride: Batman Who Laughs

Miss me? Vi è mancato? Il letale Batman “che ride” è tornato. Il 12 dicembre 2018 è uscito negli Stati Uniti il primo numero della miniserie di Scott Snyder e Jock (Batman Who Laughs #1) dedicata a una sinistra incarnazione del Cavaliere Oscuro. Questa terrificante versione alternativa di Bruce Wayne, originaria di un universo alternativo in cui qualcosa è andato irrimediabilmente storto, era stata sconfitta durante il crossover Metal. O almeno, così credevamo… In realtà si sta aggirando nella Gotham del “nostro” uomo pipistrello, insieme a un sinistro alleato.

Chi è il Batman “che ride” e perché dovremmo avere paura di lui?

To win you need to adapt, and to adapt, you need to be able to laugh away all the restraints. Everything holding you back. You see… a Batman who laughs… is a Batman who always wins.

Questo Bruce Wayne proviene dal multi-verso oscuro descritto in Metal: una serie di realtà parallele abitate da versioni deviate, maligne, del Crociato Incappucciato. Qual è la sua origine? Il pipistrello che ride è “nato” quando un Batman, identico a quello che conosciamo, ha oltrepassato la linea che si era imposto di non superare mai, uccidendo uno dei suoi avversai. Il villain in questione era Joker (Jason Todd applaude dal loggione). Purtroppo il pagliaccio del crimine aveva un ultimo asso nella manica: quando è morto, ha esalato una tossina che ha infettato il Cavaliere Oscuro “jokerizzandolo”.

Il Batman Who Laughs è quindi una sorta di ibrido tra il pipistrello e il clown: metodico, intelligente e determinato come Bruce, ma anche folle e imprevedibile come Jay. A renderlo così pericoloso è proprio la micidiale combinazione tra le abilità del detective e la spregiudicatezza del clown: questo villain può fare affidamento su una quantità apparentemente illimitata di risorse per seminare panico e terrore. Se ti adatti, se evolvi e ti sbarazzi di ogni limite, vincerai ogni battaglia: questo è il suo motto.

Il “nostro” Batman, sulle pagine di Metal, è stato costretto ad allearsi con Joker per cercare di fermare il pipistrello che ride, ma ha ottenuto una vittoria di Pirro. Stavolta, per fermare definitivamente questa versione oscura di sé stesso, dovrà spingersi oltre ogni limite. L’eroe riuscirà a sconfiggere il suo doppio maligno o finirà con l’attraversare lo specchio, col corrompersi a sua volta?

Chi è il nuovo, malefico, alleato del pipistrello sorridente?

Non voglio anticiparvi troppi dettagli. Mi limiterò a dirvi che si chiama Grim Knight e che si tratta di un’altra sinistra incarnazione del Cavaliere Oscuro. Così come il suo compare anche Grim è venuto meno a una delle regole del classico codice di condotta di Bruce Wayne. Chi ha visto Batman vs Superman potrebbe riuscire a intuire qual è la particolarità che contraddistingue questo vigilante…

Credo che la nuova miniserie di Snyder ci darà modo di conoscere molteplici versioni, oscure e non di Batman e di speculare su tanti what if? In fin dei conti la DC non è nuova alle sperimentazioni con gli elseworlds. Vedremo quali realtà alternative avremo modo di esplorare durante questo arco narrativo.

Cosa possiamo aspettarci da The Batman Who Laughs?

Direi che possiamo aspettarci una serie dalle tinte horror, incentrata su uno scontro senza esclusione di colpi tra avversari formidabili. Stando al primo numero, non mancheranno battute metaletterarie e riferimenti ai capolavori immortali del fumetto e ad altre opere dello stesso Snyder. Come in Morte della famiglia (Batman vol. 3, RW Edizioni – Lion Comics, 2016)  e in Metal ci troveremo davanti a un Joker che sa sin troppo e a un Batman che, almeno all’inizio, sarà una vittima degli eventi.

Snyder conosce bene le sue pedine e ha una certa visione dell’“universo batmaniano”: credo che la sua particolare visione, la sua “mitologia” e la sua passione per i cliffhanger faranno da fil rouge anche a questa sua nuova fatica. Chi, durante il New 52, si è appassionato alla sua scrittura, alla sua “versione” di Batman, aspetterà con impazienza le prossime uscite di questa miniserie.

Siamo solo all’inizio di una nuova avventura che promette di regalarci qualche brivido di terrore. Come andrà a finire? Snyder riuscirà a mantenere alta la tensione e a regalarci un duello fisico e mentale indimenticabile? Lo scopriremo solo al termine di questo arco narrativo. Solo allora sapremo come questa storia andrà a inserirsi nella continuity, quali rapporti avrà con la run di Tom King e se si ricollegherà anche alla teoria dei tre Joker.

Redatto da:  Benny a.k.a.  seguite anche il suo blog cliccando qui Benny a.k.a. Unreliablehero

 

Annunci

La leggenda dei fumetti George Pérez ha annunciato il suo ritiro ufficiale

La leggenda dei fumetti George Pérez, noto per il suo lavoro su titoli come Teen Titans, Wonder WomanCrisi sulle Terre Infinite, ha annunciato il suo ritiro ufficiale dai fumetti.

“Negli ultimi mesi ci sono state molte speculazioni sul futuro della mia carriera, sulla mia salute, sulla mia capacità di disegnare e sulle mie future apparizioni in convention. Di conseguenza mi piacerebbe chiarire direttamente tutto in modo che, si spera, eventuali voci, speculazioni e informazioni errate possano essere messe a tacere. Non è un segreto che ho avuto a che fare con una miriade di problemi di salute (diabete, malattie cardiache, problemi di vista, ecc.) che mi hanno davvero costretto, a tutti gli effetti, a ritirarmi formalmente dall’industria del fumetto”.

“Rispetto al lavoro pubblicato in futuro in fumetti e simili … mentre so che non è stato un segreto che ho avuto a che fare con una miriade di problemi di salute (diabete, malattie cardiache, problemi di vista, ecc.)”, Ha continuato , riferendosi ad alcuni dei suoi problemi di salute, “mi hanno davvero costretto, a tutti gli effetti, a ritirarsi formalmente dal business della creazione di nuovi fumetti.”

Pérez ha aggiunto che si sarebbe ritirato anche da “disegni commissionati privatamente”, poiché il processo stava “diventando troppo stressante per i miei occhi per produrre i pezzi di inchiostro e matita a piena resa su un livello di qualità che ne giustificherebbe il prezzo”.

Il leggendario artista ha detto che avrebbe continuato a fare schizzi per le convention: “Avrò bisogno di tagliare anche quelli, mentre non realizzerò più sketch durante le convention, lo farò, solo attraverso  il mio agente artistico Spencer Beck, prendendo una prenotazione di 5 (CINQUE) schizzi, per ogni giorno della convention che saranno realizzati a casa per essere ritirati durante le convention stesse. ”

Il comunicato stampa è andato avanti per chiarire che i fan devono essere “presenti personalmente per ritirare il pezzo” e che il prezzo sarebbe di $ 100 ciascuno. Tuttavia, la dichiarazione ha chiarito che il denaro sarebbe stato “donato a varie associazioni di beneficenza”. A tal proposito, Pérez ha anche aggiunto che, molto probabilmente, il 2019 sarà il suo ultimo anno in tour tra fiere e convention. Infine l’artista ha voluto ringraziare calorosamente tutti i suoi fan, oltre a fare un bilancio della propria carriera.

“Per farla breve, starò bene”, ha concluso. “Ho avuto una carriera meravigliosamente bella facendo esattamente ciò che volevo fare sin da quando ero un bambino. Ora posso sedermi e guardare le cose che ho contribuito a creare divertire intere nuove generazioni. E’ un’eredità piuttosto bella da lasciare. Molto di questo è avvenuto grazie a tutti voi, i più grandi fan del mondo, vi sono umilmente grato per sempre”.

 

La pellicola di Aquaman al cinema segue le orme del Batman di Nolan e supera il miliardo di dollari di incassi.

La pellicola di Aquaman al cinema segue le orme del Batman di Nolan e supera il miliardo di dollari di incassi.
Fino ad oggi, solo Il cavaliere oscuro nel 2008, seguito di Batman Begins, è stato il film che ha superato il miliardo di dollari di incasso, e conseguentemente a luglio 2012 Il cavaliere oscuro – Il ritorno è stato un successo di critica e pubblico che supera anch’esso il miliardo di dollari dopo meno di due mesi di proiezione al cinema.

 

Sommessamente lanciato dalla Warner Bros, debolmente accolto dalla critica, acclamato dal pubblico, che si è recato in massa a vederlo al cinema. È l’incredibile fato di «Aquaman», titolo dell’Universo DC Comics (DCEU), che ha ufficialmente oltrepassato il miliardo di dollari di incasso in tutto il mondo (quasi 300 milioni solo in Cina).

La qualità di Jason Momoa

Si tratta, in particolare, dell’originario film dell’Universo DC Comics (nato nel 2013, dopo la trilogia del «cavaliere oscuro» di Chrispher Nolan, con «L’uomo d’acciaio» di Zack Snyder) a avere successo nell’impresa. E il merito è da attribuire principalmente al suo interprete cardine: Jason Momoa, alla prova più rilevante della sua carriera, dopo i ruoli di Khal Drogo ne «Il Trono di Spade» e di Ronon Dex in «Stargate Atlantis».

La prima volta da protagonista di Aquaman

Il film  è, infatti, basato unicamente sul personaggio di Aquaman, che torna sul grande schermo dopo la breve comparsa in «Batman v Superman: Dawn of Justice» e il ruolo da comprimario in «Justice League» (dove, nel 2017, ha affiancato Batman, Superman, The Flash e Wonder Woman). Proprio da qui parte la pellicola, dal ritorno ad Atlantide di Arthur Curry, che si ritroverà – suo malgrado – a dover fare i conti con il fratellastro Ocean Master (Patrick Wilson), deciso a distruggere la Terra e a impadronirsi l’intero regno.

I ringraziamenti del regista

“Questo film non sarebbe quello che è senza il sorprendente successo di tutti i soggetti coinvolti, dal capo del dipartimento a ogni singolo membro della crew” ha scritto sul suo account Twitter ufficiale il regista Wan, che aveva già abbattuto il muro del miliardo di dollari nel 2015, con «Fast & Furious 7» (un miliardo e 500 milioni). “Sarò sempre in debito con Jason per aver trasformato Aquaman in uno dei più fantastici supereroi cinematografici di sempre, diventando il punto di riferimento per questo personaggio per le generazioni a venire”. Infine, le ultime parole sono per coloro che sono andati a vedere il film: “AMORE enorme e GRAZIE ai fan e al pubblico di tutto il mondo. Onorato dal modo in cui avete abbracciato Aquaman e da come è riecheggiato su scala globale”.

Il doppiaggio in Italiano
Ad impersonare, nella versione italiana, il Re di Atlantide è l’attore e doppiatore Francesco De Francesco, il quale dopo aver prestato la propria voce in Suicide Squad all’attore Jai Courtney nei panni di Capitan Boomerang e dopo aver fatto “le prove generali” nei trailer di Justice League e nel film stesso dando voce a Jason Momoa, questa volta ha dovuto svolgere un lavoro più lungo in qualità di protagonista. Immediatamente dopo l’anteprima italiana del film abbiamo potuto parlare con lui e ci ha spiegato che dare voce al Re di Atlantide è stato un grande sforzo, perchè nell’ambito del doppiaggio, non usa abitualmente quel timbro di voce. Infatti, seguendo i consigli del grande Marco Mete, direttore del doppiaggio, ha lavorato molto per dare una voce più profonda di almeno 3 o 4 toni rispetto al normale. Questo il saluto di Francesco De Francesco per il nostro blog.

Francesca Manicone, (che potete vedere qui sotto in mia compagnia), invece ha prestato la propria interpretazione all’attrice Amber Heard nei panni di Mera. Da alcune interviste rilasciate dalla doppiatrice è emerso che recitare per una attrice come Amber Heard, è stata una straordinaria esperienza, in quanto trattasi di un’attrice eccellente. Infatti, ha aggiunto, più le attrici sono brave e più è semplice doppiarle. Francesca ha trovato il personaggio di Mera divertente e simpatico, oltre che ironico,forte e coraggioso.

Batman: Hush – Le prime notizie sul lungometraggio animato

Il 2019 è l’anno dell’anniversario degli ottanta anni di Batman ed è un anno piuttosto interessante per Warner Bros e DC, tanto sul fronte animato quanto su quello cinematografico. Il dipartimento animato della Warner Bros. ha annunciato di essere al lavoro su altri film animati e tra questi progetti troviamo il lungometraggio di “Batman: Hush”,  l’adattamento dell’omonima graphic novel targata Jeph Loeb, Jim Lee, Scott Williams e Alex Sinclair, che vede il Cavaliere Oscuro di Gotham City alle prese con uno dei suoi più grandi antagonisti.

Batman Hush il lungometraggio

Hush è una tra le storie a fumetto di Batman più belle, emozionanti ed affascinanti di sempre, ricca di colpi di scena e di pathos. Un’avventura densa di colpi di scena, che conduce il protagonista da Gotham a Metropolis, a fronteggiarsi con l’amico/nemico Superman e a confrontarsi con i fantasmi del proprio passato – dai traumi dell’infanzia a quelli per la morte di Jason Todd – e del presente, con i contrastanti sentimenti verso Selina Kyle e l’incapacità di aprire il cuore e fidarsi davvero di qualcuno. Più che una storia di Batman molte pagine sembrano raccontare di Bruce Wayne.

Del film nel frattempo sono stati resi noti i nomi dei doppiatori principali coinvolti nel film, e grandi assenti sono i due nomi più illustri che hanno reso Batman e Joker due grandi icone, ovvero Kevin Conroy e Mark Hamill. Entrambi i doppiatori si erano detti aperti a tornare anche per Batman: Hush, ma a quanto pare la scelta è ricaduta su un cast leggermente diverso: Jason O’Mara, Jerry O’Connell, Tara Strong, Rainn Wilson, Bruce Thomas e Vanessa Williams. Jason O’Mara ha già interpretato diverse volte Batman in altri lungometraggi animati, mentre Tara Strong di solito ricopre il ruolo di Harley Quinn. Al momento non è stato ancora diffuso alcun trailer ufficiale.

I lungometraggi animati DC hanno una gloriosa storia alle spalle – Batman: Year One, Batman: Under the Red Hood, Justice League: Doom, Batman: The Killing Joke -, eppure nessuno dei sopra citati è mai riuscito a raggiungere l’Italia neppure con la mera sottotitolatura. In realtà cercando bene nel web potete trovare il lavoro di fans della DC che hanno realizzato un buon lavoro di traduzione e doppiaggio nel caso di Batman: Under the Red Hood. Al momento però sembra lontana l’ipotesi che anche questo film possa mai raggiungere il pubblico italiano.

Fonte: Comicbookmovie

Finalmente il film: Justice League Snyder Cut…o quasi

Justice League è un film che completa un’opera preparatoria iniziata nell’anno 2016 con Batman v Superman proseguita con Suicide Squad che porta in scena la prima storica reunion dei supervillain targati DC e in cui, dopo i titoli di coda, vediamo Bruce Wayne che riceve la lista dei metaumani, per poi proseguire con il film in solitaria di Wonder Woman. Justice League è il degno e coerente seguito di questi film che avevano da parte di Snyder una visione completa.

Buona parte dello spettacolo visto al cinema, non è affatto l’opera alla quale il buon Snyder ha lavorato per anni, ma un prodotto molto leggero (in stile Marvel) che sente il peso dell’intromissione da parte della Warner Bros, che ha preteso delle riprese aggiuntive guidate dal sostituto Joss Whedon che ne hanno modificato una parte abbondante del lungometraggio, riducendone la durata ad 1 ora e 59 minuti contro le 2 ore e 59 minuti circa previste da Snyder. Tutto questo solo perchè la Warner Bros non si fidava più della visione di Zachary Snyder (ritenuta troppo cupa). Comunque, sebbene non manchino dei momenti drammatici, anche nella versione originaria c’è comunque spazio per una giusta dose di ironia e autoironia, che in un cinecomic è quasi irrinunciabile.

 

Il risultato delle modifiche imposte è stato accettabile in alcune scene e decisamente meno in altre.

Su internet circolano una serie di scene inedite che è possibile recuperare grazie ai Tweet dello stesso Zack Snyder.

Soltanto un giovane regista come Piero Castiglia, ha avuto la pazienza di integrare la versione originale per realizzare (fosse anche in modo parziale) la famosa Snyder Edition che tutti sogniamo.

Intanto, il regista ha tenuto a ringraziare pubblicamente, tramite il proprio profilo Instagram, tutti quei fan che ogni giorno chiedono che un giorno sia distribuita la versione di Snyder di Justice League.

L’ora delle chiacchiere è finito.

Godetevi Justice League Snyder Cut (o quasi) con i tanti spezzoni inseriti nel film.

Potete richiederla per una visione privata tramite un link che vi metterà a disposizione lo stesso Piero che ne ha realizzato una versione italiana dimostrativa senza scopo di lucro. Si tratta di un lavoro ben realizzato da un professionista del settore, ma anche un vero fan che ha pensato di fare qualcosa per i fans.

Logicamente Piero Castiglia vi invita ad acquistare la versione originale del dvd, blu Ray o la copia digitale in vendita oppure al noleggio on line del lungometraggio, e vi chiede comunque di cancellare il film che scaricherete una volta visionato entro 24h per non infrangere nessun copyright o legge. Potete ricevere il vostro link tramite la sua pagina Facebook qui.

La CW va avanti con la nuova serie tv dedicata a Batwoman

È ufficiale: la CW va avanti con l’episodio pilota di Batwoman interpretata da Ruby Rose. David Nutter (regista statunitense anche di Arrow, The Flash) dirigerà quello che potrebbe essere il primo show dei supereroi della TV condotto da un personaggio saffico.

È ufficiale: la CW va avanti con una serie indipendente dedicata al personaggio di Batwoman.

Giovedì 3 Gennaio 2019 la rete ha confermato e ordinato una puntata pilota per il telefilm che avrà nel ruolo principale l’attrice Ruby Rose e sarà sceneggiato dalla showrunner e scrittrice Caroline Dries (The Vampire Diaries) e che avrà come produttore esecutivo “Re Mida” Greg Berlanti. Per la realizzazione di questo nuovo show televisivo ci sarà anche David Nutter, il timoniere del Trono di Spade, vincitore di un Emmy che in precedenza aveva diretto i pilot di The Flash and Arrow di The CW.

La notizia arriva poche settimane dopo in cui Ruby Rose ha fatto il suo debutto nel crossover della serie DC Comics del titolo “Elseworlds”. Il telefilm, messo in sviluppo a luglio 2018, è stato un palcoscenico di prova per essere scelto come pilota e rimanere il precursore per realizzare la serie visti gli auspici e dato che The Arrow di CW, ora nella settima stagione, ha iniziato a mostrare la sua età.

La serie potenziale rompe l’ennesima barriera per Berlanti perché Batwoman diventa la prima serie di supereroi a essere guidata da un personaggio lesbo – e interpretata da un’attrice di orientamento dichiaratamente omosessuale.

Ecco la descrizione ufficiale della The CW: “Armata di passione per la giustizia sociale e un talento per esprimere la sua opinione, Kate Kane [Rose] vola sulle strade di Gotham come Batwoman, un ex combattente di strada lesbica e altamente addestrata pronta a spegnere il fallimento della risurrezione criminale della città, ma non chiamatela ancora un eroe: in una città alla disperata ricerca di un salvatore, Kate deve superare i propri demoni prima di abbracciare la chiamata al simbolo di speranza di Gotham”.

Oltre a scrivere e servire come showrunner, Caroline Dries produce insieme a Berlanti e alla sua Warner Bros., produttrice televisiva di Berlanti Productions, unitamente a Sarah Schechter e Geoff Johns. Nutter, che Berlanti ha reclutato personalmente per dirigere seguendo il suo riuscito sviluppo mondiale sui pilot di The Flash e Arrow, sarà anche accreditato come produttore esecutivo.

In un sondaggio di Hollywood Reporter dopo la conclusione del crossover di “Elseworlds”, l’85% (più di 2000 persone) ha votato a favore della visione di una serie di Batwoman.

Batwoman è il primo telefilm pilot ufficiale della stagione da parte della CW. È anche il primo della stagione di Berlanti in quanto il produttore prolifico aggiunge questa nuova serie alla sua retata storica di 15 serie di sceneggiature in onda e in streaming: All America, Arrow, Black Lightning, Legends of Tomorrow, The Flash (qui la nostra intervista al doppiatore italiano Alessandro Campaiola), Riverdale e Supergirl (qui la nostra intervista con la doppiatrice italiana Veronica Puccio), Blindspot, God Friended Me, The Red Line, Le terrificanti avventure di Sabrina, You, Stargirl, Titans e Doom Patrol.

Berlanti ha in serbo più script in fase di sviluppo e probabilmente aggiungerà altri script pilota oltre Batwoman. Per l’uscita di questa nuova serie tv, con ogni probabilità bisognerà attendere ancora qualche mese, comunque non oltre la fine del 2019.

Per concludere questa piacevole anteprima, mi fa piacere condividere con voi, la bellissima illustrazione di Batwoman (avevamo già anticipato la Warner 😃) realizzata per il Batman Silent Book dalla disegnatrice DC Comics e Marvel Elena Casagrande.

Lucca Comics 2018 – Reportage

I fumetti di Batman RW Lion in anteprima a Lucca Comics 2018.

• DC Miniserie – Shadow/Batman, di Steve Orlando, Giovanni Timpano e colori di Flavio Dispenza

Dopo il successo di Batman/Shadow, una nuova miniserie torna ad unire i due tenebrosi personaggi grazie allo scrittore Steve Orlando e a Giovanni Timpano, nuovo astro nascente italiano del fumetto! Un male antico vive nelle profondità del mondo che entrambi gli eroi hanno giurato di proteggere. Riusciranno a salvare la terra senza distruggerla?

• DC Absolute Batman: Lo Specchio Nero, di Scott Snyder, Jock, Francesco Francavilla

Le prime, epiche storie di Batman scritte da Scott Snyder in versione absolute! Iniziamo con una serie di brutali omicidi impegna le capacità deduttive del Cavaliere Oscuro, per proseguire con la tragedia familiare del commissario Gordon. Un volume imperdibile per ogni fan che si rispetti del Crociato Incappucciato! L’arte di Jock e Francesco Francavilla non è mai stata cosi superlativa!

Presso lo stand si sono alternati diversi autori DC Comics.

L’artista Pasquale Qualano è uno dei diversi autori che si è alternato presso lo stand RW Edizioni.

Neal Adams è stato presente presso lo stand GGL108 del padiglione Giglio e con una sua mostra presso il palazzo Ducale.

Mirka Andolfo è stata ospite a Lucca Comics & Games 2018 in collaborazione con Panini Comics e BD Dentiblù. Mirka, dopo una lunga collaborazione DC Comics e dopo una storia breve per l’etichetta Vertigo, abbiamo avuto modo di poter seguire i suoi lavori sulle pagine di “Bombshells” come regular artist e, più di recente, su numeri di “Wonder Woman” e “Teen Titans”.

GIUSEPPE CAMUNCOLI DETTO “CAMMO”

Andrea Olimpieri disegna Joker

Olimpieri Andrea, classe 85, consegue gli studi artistici all’Istituto d’Arte di Civitavecchia, sezione pittorica. Si trasferisce a Roma per diplomarsi alla scuola Internazionale di Comics. Character designer cover e comics artist , ha lavorato per IDW publishing, Villain comics, EF Edizioni e Tunué. Attualmente lavora alle testate di Mostri ed Alieni per l’editrice Bugs Comics e su testate di Dark Souls, Assassin’s Creed e Dishonored per l’inglese Titan Comics. Illustratore anche del Batman Silent Book e Batman v Superman Concept Artbook.

Elena Casagrande (Marvel, DC Comics e tante altre) e Federica Manfredi (Marvel, IDW e tante altre) tra gli altri artisti del fumetto e del fantasy, hanno partecipato con opere relizzate al momento, all’asta di beneficenza presso l’Area Performance. Tutto questo grazie all’Associazione Area Performance ONLUS che ogni anno invita a dipingere e disegnare dal vivo i migliori artisti italiani e internazionali: le opere donate vengono messe all’asta e il ricavato devoluto in beneficienza. Queste sono le loro opere:

Elena Casagrande

Federica Manfredì

Video dal padiglione Warner Bros/DC Universe

Nello spazio dedicato al mondo DC Comics sono state allestite le statue di Mera e Aquaman – protagonisti dell’omonimo film in arrivo nei cinema italiani dal prossimo 1 gennaio 2019, un’area dedicata agli appassionati di videogames con le postazioni di gioco Lego DC Super-Villains, capeggiate dalle statue Lego di Joker e Harley Quinn, oltre ad un intero shop dedicato a tutto il mondo DC, e alla zona dedicata alla nuova serie tv “Krypton” – dal 14 Novembre su Premium Action e dal giorno successivo disponibile su Infinity, con postazione fotografica dedicata ai fan che potevano indossare il mantello di Superman.

Infinity, in collaborazione con Premium Action, ha presentato il primo episodio di “Krypton”, la serie prodotta da SyFy ambientata sul pianeta natale di
Superman, ben 200 anni prima la nascita di Kal-El/ClarkKent. “Krypton” è trasmessa da Premium Action dal 16 novembre, e dal giorno successivo è in onda anche
su Infinity.

Marco Mastrazzo, il talentuoso illustratore e disegnatore che abbiamo ammirato sulle cover della maxi serie Caput Mundi (Editoriale Cosmo) e su alcune copertine realizzate per i progetti speciali di Dylan Dog (Sergio Bonelli Editore) nonché quelle delle storie dell’indagatore dell’incubo pubblicate in America dalla Epicenter Comics, disegna un Joker e ci omaggia con un suo saluto.

I Raggi Fotonici sono un gruppo musicale italiano specializzato in colonne sonore e sigle di cartoni animati formato da Mirko Fabbreschi, Laura Salamone e Dario Sgrò. Mirko presta la voce ai personaggi di Gumball nella serie “Il favoloso mondo di Gumball”, I Simpson (voce/canto di Telespalla Bob), I Griffin (corista remake sigla, orso e altri personaggi di puntata). Abbiamo incontrato Mirko allo Stand Dentiblù e ci ha omaggiato di un suo saluto.

Tra gli altri abbiamo incontrato:

Il disegnatore Vincenzo Carratù e il suo Due Facce!

Vincenzo ha frequentato per tre anni la scuola Salernitana del Fumetto ComixArs e ora è insegnante. Ha disegnato ZARTANA: Lo stregone blues, The Steams Chronicles 01, Capitan Napoli e altre produzioni. E’ detto “A’ Machinetta” perchè quando punta ad un obbiettivo non si ferma mai di fronte a niente.

La disegnatrice Elena Ominetti

Diplomata alla Scuola Internazionale di Comics di Jesi ai corsi di Fumetto e Colorazione digitale. Illustratrice e fumettista freelance e co-autrice della fanzine Le Spire del Caos, prodotta da ex studenti della scuola di comics e disegnatrice di Un Gioco In Giallo prodotto con Caos Studio. Per i 50 anni di Poison Ivy, Elena ha disegnato per noi una fantastica pin-up.

Il disegnatore Davide Di Gianfelice

Lavora per le più grandi case editrici internazionali. Debutta con John Doe, con La VERTIGO-DC COMICS pubblica il primo tomo della serie NORTHLANDERS ed è co-creatore insieme a Milligan della miniserie GREEK STREET. Con la Marvel pubblica le miniserie DAREDEVIL REBORN, SIX GUNS insieme a Andy Diggle, AGE OF APOCALYPSE, WOLVERINE WEAPON X. Con DARK HORSE pubblica una run di CONAN THE BARBARIAN. Attualmente è al lavoro con la Bonelli alla miniserie ORFANI.

Presso la scuola internazionale dei Comics abbiamo incontrato:

Emiliana Pinna

Nel 2014 si iscrive alla Scuola Internazionale di Comics di Roma dove ha seguito un corso di 3 anni sotto la guida di insegnanti esperti in ogni campo del fumetto, apprendendo le tecniche dello storytelling, dell’inchiostrazione, della matita e dell’anatomia. Attualmente ha un progetto di fumetto in corso e collabora con la scuola Internazionale. Qui trovate la nostra intervista.

La disegnatrice Federica Casabona

Tra i migliori allievi del Master di Fumetto a.a. 2015/2016 esordisce al Lucca Comics&Games nel 2016 con il volume Quantum Academy Apocrypha edito in Italia da ManFont Comics, dove mostra da subito uno spiccato stile americano.
Attualmente è al lavoro per il progetto del secondo volume di YAMAZAKI 18 YEARS – APOCRYPHA sempre della ManFont Comics.
Inoltre è docente alla sede di Roma della Scuola Internazionale di Comics dove insegna al corso di Fumetto per Bambini e Ragazzi.

Il disegnatore Paolo Zeccardo

Frequenta per un anno il corso di fumetto manga tenuto dalla sensei Yoshiko Watanabe. Nel 2006 esordisce con Gravetown, raccolto in 4 volumi dalla casa editrice Cagliostro e-Press. Nel maggio 2011 a Tokyo, partecipa con 3 illustrazioni alla mostra collettiva “KappanArt: Art no Chikara”. Nel 2012, per la casa editrice Blam! Editions, pubblica la sua seconda opera Madville. Mentre in Giappone pubblica Il Collezionista di Stelle, per MangaReborn. Pubblica successivamente Summer Wine e Fammi Volare per la casa editrice Teke. Nel 2014 esce per Mangasenpai la prima stagione di Malincuore – Limited Edition. Che verrà ristampato nel 2015 nella nuova edizione Tankobon edition, contenente una preview della seconda stagione.
Dal 2016 collabora con la Scuola Internazionale di Comics dove insegna Tecniche e Narrazione Manga con Midori Yamane.

Per concludere una divertente illustrazione realizzata su una withe cover di casa Marvel, da parte del disegnatore DC Comics e Warner Bros Francesco Barbieri.