Il castello Wayne

Maestosa dimora della famiglia Wayne per quasi 150 anni, il castello Wayne sovrasta Gotham City dalla ricca comunità di Crest Hill, nella municipalità di Bristol. L’ampia dimora fu commissionata nel 1855 dal magnate delle ferrovie Jerome K. Van Derm, ma rimase disabitata finchè Solomon Zebediah Wayne (il bis-bisnonno di Bruce) e suo fratello Joshua non vi si trasferirono nel 1858. Domicilio di tutte le generazioni Wayne che seguirono, l’edificio subì gravi danni nel terribile terremoto di Gotham. Dal momento che la sua casa era irreparabilmente danneggiata, erigendo un’autentica fortezza, ispirata agli edifici gotici di Cyrus Pinkeny, l’architetto della vecchia Gotham. Alti bastioni e parapetti adornano il nuovo castello, facendone un rifugio idoneo al Cavaliere Oscuro che lo abita.

Il vecchio palazzo Wayne
Un tempo sede di balli di beneficenza e della buona società di Gotham, il palazzo Wayne divenne freddo e solitario dopo la morte dei genitori di Bruce, Thomas e Martha Wayne.

 

Legami atavici
Un castello si confà alla stirpe di Bruce Wayne. La sua bisnonna apparteneva, infatti, al clan scozzese dei MacDubh, mentre un parente più lontano era Sir Gaweyne de Weyne, un cavaliere francese della corte scozzese, che combattè e morì nelle crociate.

 

 

Distruggi-case
Anche le sue proprietà a Gotham erano munite di protezioni antisismiche, la casa di Bruce Wayne non era dotata di analoghe misure di sicurezza. Il palazzo Wayne poggiava proprio su una faglia geologica. Quando le zolle tettoniche scivolarono, il palazzo si spaccò in due, precipitando nella sottostante Batcaverna.

Castello del pipistrello
Il nuovo castello Wayne è un pastiche di architettura gotica, combinata con quella delle dimore fortificate, risalenti alle radici scozzesi e normanne di Bruce. Le fondamenta del castello sono composte di un coglomerato di pietre recuperate dal palazzo originario; mentre le formidabili torrette, spedite a Gotham pietra per pietra, appartenevano un tempo alla fortezza del clan dei MacDubh, risalente al XV secolo.

Luce naturale
Collocati sul tetto, i pannelli solari rotanti e posizionabili riforniscono il castello di energia ecologica. Questi pannelli impiegano batterie solari al selenio per ottenere il massimo rendimento anche nei giorni nuvolosi.

Ferrovia sotterranea
Durante la Guerra Civile, i fratelli Wayne nascosero alcuni schiavi del Sud nelle caverne sotto il palazzo, un’arteria della “ferrovia sotterranea” che conduceva alla libertà negli Stati del Nord. Il cannone che fa da guardia al castello, è un dono fatto a Solomon Wayne da un compagno di studi a Harvard, anch’egli contrario alla schiavitù.

Decorazione di interni
Molti oggetti di famiglia e inestimabili opere d’arte appartenenti ai Wayne andarono distrutti nel terremoto. Alfred supervisionò l’accuratissimo restauro degli oggetti con chiaro valore sentimentale: in particolar modo, un ritratto dei defunti genitori di Bruce e un’antica pendola che nasconde l’ingresso alla Batcaverna.

Sicurezza
Speciali sensori, che captano il movimento in base alla vicinianza, fanno risuonare tutti i terreni annessi al castello secondo uno schema a cerchi concentrici, rilevando la presenza degli intrusi. Gli allarmi silenziosi posti all’interno del castello sono codificati, in modo che soltanto chi è autorizzato a entrare nella Batcaverna possa disinnescarli.

 

 

 

 

Annunci

Il Gotham City Police Department

Grazie alla Terra Di Nessuno, il Dipartimento di Polizia di Gotham City (Gotham City Police Department) si è guadagnato un nuovo, generale rispetto. Un manipolo di poliziotti, capeggiati da Jim Gordon e ribattezzati i “Blue Boys” durante quell’anno terribile, rimasero per mantenere l’ordine nella città isolata e devastata dal terremoto. Dopo la ricostruzione Gordon andò in pensione, consapevole di lasciare un gruppo di poliziotti onesti, tra cui il nuovo commssario Michael Akins, e il Capo della polizia Mackenzie “Hardback” Bock. Come già in passato, l’Unità grandi crimini del tenente Harvey Bullock vanta tra i suoi detective Renee Montoya, Crispus Allen, Joely Bartlett, Vincent DelArrazio, Dagmar Procjnow, Tommy Burke, Ivan Cohen; e tra gli ufficiali Andrea “Andi” Kasinsky.

Distintivo d’onore
Colpito da una grave mancanza di personale dopo la riapertura di Gotham, il G.C.P.D. lanciò una campagna di reclutamento per rimpolpare le fila. Il programma si rivolgeva a giovani uomini e donne intraprendenti, desiderosi di migliorare la qualità della vita nella città.

La legge di Bullock
Harvey Bullock ha soltanto tre vizi: le ciambelle, un buon sigaro e i vecchi film. Dichiaratamente rozzo, l’ex sergente trova assai scomodo il ruolo di comandante dell’Unità Grandi Crimini del Gotham City Police Department, visto che Gotham continua ad avere gli stessi problemi del passato. Il crimine organizzato, infatti, si è reinstallato in città, con almeno cinque organizzazioni in lotta per la supremazia. E, in aggiunta ai soliti furfanti, ci sono da fronteggiare i tumulti provocati dai “GO” (Gothamiti Originari) che minacciano i “disertori”, gli abitanti, cioè, tornati in città, che accusano di aver disertato durante la Terra di Nessuno.

Il detective Renee Montoya
Figlia di immigrati dominicani, Renee Montoya ha lavorato duramente per guadagnarsi il distintivo di detective. Ancora poliziotto di pattuglia, arrestò Mr. Zsasz, un serial killer evaso, dimostrando la sua tempra ad un corpo a larga prevalenza maschile.

Il detective Crispus Allen 

In seguito al terremoto e alla ricostruzione di Gotham City (in Terra di nessuno), Allen viene trasferito da Metropolis all’unità Grandi Crimini del GCPD, in coppia con la detective Renee Montoya. A differenza della moglie e dei due figli, Allen è agnostico. Una notte, quando il Ragno Nero (Johnny LaMonica) spara a Montoya, Allen risponde al fuoco, ed uccide il criminale ferendo però la partner; gli Affari Interni indagano su di lui, ma non viene rinvenuto il primo proiettile esploso da LaMonica, rubato da Jim Corrigan. Quest’ultimo uccide alle spalle Allen mentre questi indagava, e il delitto irrisolto ha ripercussioni su Montoya, che decide di rassegnare le dimissioni. Inoltre, il corpo di Allen al obitorio ospita lo Spettro (a partire da Crisi infinita).

 

Commandos Urbani
Guidata dal tenente Gerard “Jerry” Hennellym, il Quick Response Team (Q.R.T.) è forse, fra tutte le squadre del Gotham City Police Department, quella addestrata con maggior rigore. Questa Unità di pronto intervento è specializzata in manovre anti-terrorismo, per contrastare la peculiare criminalità di Gotham.

La liberazione di Robinson Park
Uno dei primi compiti della squadra Quick Response Team (Q.R.T.), appena ricostruita, fu collaborare alla liberazione, senza spargimento di sangue, di Robinson Park da Poison Ivy, con la sua banda di piccoli orfani.

Il Batsegnale
Munito di dispositivo d’autodistruzione, questo segnale al laser montato sul tetto serve a scrivere frecce direzionali e indirizzi in cielo.

La Wayne Enterprises

Considerata il fulcro di Gotham, la Wayne Enterprises e le sue varie sussidiarie impiegano la maggior parte della ragguardevole forza lavoro della città. Partendo dalle ricchezze accumulate con le vaste proprietà immobiliari dal giudice Solomon Wayne, gli eredi del magistrato fondarono la Compagnia di navigazione Wayne e la Chimica Wayne, società poi consolidate dalla Rivoluzione industriale americana. All’alba del XX secolo, la WayneCorp e la neonata divisione aerea si affiancarono alla città, permettendole di superare le difficoltà della Grande depressione e delle due Guerre mondiali. La WayneTeach e la Wayne Aerospaziale sono oggi all’avanguardia nella ricerca e nello sviluppo farmaceutico e tecnologico. La filantropica Fondazione Wayne reinveste i proventi della società Wayne in iniziative umanitarie in patria e all’estero.

Dopo il crollo
La Wayne Enterprises è forse l’unica Corporation di Gotham sopravvissuta al disastroso terremoto della città e al periodo della Terra di Nessuno. La compagnia si è garantita la sopravvivenza trasferendo le proprie manifatture presso strutture satellitari dislocate altrove. I profitti accumulati durante la Terra di Nessuno tra i primi capitali investiti nella ricostruzione della città. Senza esitazione, la Wayne Enterprises investì anche più di Lex Luthor nel futuro di Gotham.

 

 

 

 

 

 

 

La torre Wayne
Eretta nel 1939, la torre Wayne (quartier generale della WayneCorp e della Fondazione Wayne) è uno dei pochi punti di riferimento della vecchia Gotham che ancora restano in piedi, scampati al  grande terremoto che ha sconvolto la città. Edificio di 78 piani (368 metri dalla base alla punta dell’antenna), la torre Wayne è anche la più elevata struttura della Gotham pre-terremoto. L’edificio resta ancora oggi il fulcro del distretto finanziario della città.

 

Lucius Fox: il tocco di re Mida
Lucius Fox è uno dei più corteggiati uomini d’affari del mondo, un presidente e amministratore delegato con la capacità di trasformare l’oro in platino. Laureato magna cum laude alla Morton Business School, Fox è riuscito a condurre l’Atwater Air della bacarotta ad un successo improvviso, con azioni che volarono alte in borsa come i jet pendolari della compagnia. Tuttavia, la più grande sfida di Fox è stata la ristrutturazione della Wayne Enterprises, la gestione quotidiana degli affari di Bruce Wayne, nonchè la cura del ragguardevole portafoglio azionistico di Dick Grayson.

Il pisolino dei potenti
Agli occhi dei suoi impiegati, il miliardario Bruce Wayne appare come uno dei tanti ricchi nullafacenti, che trascorrono pigramente la mattina dei giorni feriali sognando una partita nel primo pomeriggio al campo di golf del Bristol Links Country Club.

All’oscuro
Fox si domanda se la ricerca della WayneTech nel campo dell’equipaggiamento ad infrarossi integrati e ad immagini termiche, la cosiddetta tecnologia della visione notturna, valga il deficit per “ricerche ottiche infruttuose”, stimato in due milioni di dollari, e menzionato nella relazione danni interna.

Perdite finanziarie
Assai meticoloso nel tenere i registri della Wayne Enterprises Lucius Fox resta perplesso scoprendo un “inventario perdite” a più di nove cifre. Fox non può sapere che di queste proprietà aziendali perdute si è indebitamente appropriato Bruce Wayne, per l’uso personale del Cavaliere Oscuro.

Macchine aziendali
La divisione automobilistica delle Industrie Wayne produce alcuni tra i più avanzati motori del mondo; eppure, i progetti per gli ultimi modelli della divisione spesso sfuggono attraverso squarci digitali durante le trasmissioni e-mail interne, mentre le unità sperimentali scompaiono dai magazzini.

Dividendi stellari
Ancora più singolare, è il caso di un aereo da trasproto C-130 a contratto militare, primo di una serie di veivoli (compresi caccia W4 Wraith ed elicotteri Kestrel da attacco) scomparsi dalla Wayne Aerospaziale per non farvi più ritorno. Inoltre, le modifiche apportate ad jet aziendale SlipStream di Bruce Wayne sono notevolmente più costose dell’aereo stesso.

Prototipo
Un prototipo di generatore a idrogeno scomparso dalla WayneTech, una fonte pulita ed efficiente di energia elettrica, produceva il proprio carburante attraverso la biofotolisi dell’alga verde Chlaymydomonas MGA 161 e del batterio Rhodovulum sulfidophilum W-1S. Adesso il generatore alimenta la Batcaverna.

Patrimonio sollevato
La Compagnia di navigazione Wayne non riesce a spiegarsi il furto di una gru su rotaia della capacità di 10 tonnellate. Preso in affitto dalla Met-Rail di Gotham, questa inestimabile attrezzatura pesante è scomparsa dalla divisione Tricorner Yards. La Wayne Enterprises è stata costretta a pagare al costruttore un rimborso di oltre un milione e mezzo di dollari.

Il Commissario Gordon

Jim Gordon crede in Batman. Il trasferimento a Gotham City di Gordon, un ex capitano di polizia di Chicago, ha coinciso con l’entrata in scena del Cavaliere Oscuro nei panni di giustiziere mascherato. Questa coincidenza li ha uniti indissolubilmente fin dal loro primo, fatidico incontro. Incaricato di catturare la leggenda urbana che dava la caccia ai fuorilegge di Gotham, Gordon strinse, invece, una scomoda alleanza con il vigilante, sradicando al contempo la corruzione interna al Gotham City Police Department. Col tempo, Gordon divenne commissario, e il Cavaliere Oscuro un suo fido alleato nel pattugliamento delle strade. Gordon, però, pagò questa collaborazione a caro prezzo, con la sua stessa salute e con la vita delle persone care. Il sentimento d’una comune tragedia legò i due ancor più strettamente.

Commissario Gordon
Vero nome: James Worthington Gordon
Professione: Commissario di polizia in pensione
Base: Gotham City
Altezza: 1.79 m.
Peso: 76 Kg.
Occhi: Blu
Capelli: Bianchi
Prima comparsa: Detective Comics n.27 (Maggio 1939)

Un duro in strada
Una volta poliziotto, per sempre poliziotto. Gordon ha il porto d’armi per la pistola di servizio, una Browning automatica BDAO 9 mm. Per ulteriore sicurezza, nasconde un revolver Smith & Wesson.38 Police Special in una fondina “a scomparsa” legata alla caviglia. Ma, anche senza pistola, Gordon, esperto delle regole della strada, sa perfettamente come iniziare e concludere una zuffa.

Il prezzo dell’amore
Sebbene Barbara Kean Gordon amasse il marito, si rese ben presto conto che Jim era più sposato con il suo distintivo che con lei. Nonostante frequenti dissapori, i due rimasero insieme per il bene dei figli ancora piccoli: James Jr. e Barbara, la figlia adottiva (l’originale Batgirl e poi Oracolo). Anni dopo, Jim e Barbara divorziarono consensualmente, e lui ebbe la custodia della figlia. Barbara Gordon lasciò Gotham City per sempre, portando il figlio con sé.

Sarah Essen-Gordon
Gordon aveva conosciuto la detective Sarah Essen quando, anni prima, era stato assegnato alla “Batman Task Force”. L’attrazione reciproca portò a una storia breve e appassionata, a cui la Essen volle mettere fine. Anni dopo, i due si riunirono e si sposarono. Ma la loro felicità sarebbe stata tragicamente breve.

Vita per vita
Quando Joker rapì i primi 36 bambini nati a Gotham durante il periodo Terra di Nessuno, nel tentativo di distruggere il già fragile morale della città, Sarah Gordon sacrificò la vita per salvarli. Per afferrare un bambino scagliato in aria dal crudele asso dei furfanti,Sarah lasciò cadere la pistola. Mentre la donna stringeva il bambino tra le braccia, il Joker la uccise senza pietà.

Il lungo addio
Dopo oltre vent’anni di servzio, tre pallottole convisero Jim Gordon che era tempo di andarsene in pensione. Ancora convalescente per la ferita quasi mortale, che aveva unito la polizia e la Batfamiglia nella caccia all’aggressore, Gordon lasciò il Dipartimento di polizia in uno stato migliore di come l’aveva trovato; ma anche un Batman più solo.

Amori perduti

A volte, l’amore è il nemico più grande. Benchè l’incessante crociata contro il crimine non gli lasci molto tempo per dedicarsi agli affari di cuore, Batman è stato più volte turbato da questioni sentimentali. In un’elenco infinito di belle donne sorprese a braccetto del miliardario Bruce Wayne, soltanto poche, però, sono riuscite a intuire la vera natura di questo annoiato playboy. Tra queste Julie, Vicky, Talia, Silver, Shondra, Kathy, Vesper e Ivy, nel corso degli anni, hanno tutte suscitato nel Cavaliere Oscuro qualche momento di incertezza. Ciascuna a suo modo, lo hanno tutte costretto a scegliere tra il vero amore e la guerra che si era impegnato a combattere fino all’ultimo.

Il cuore del pipistrello
Batman protegge il suo cuore con un’armatura, Bruce Wayne con la freddezza.
Si è arreso, infatti, all’evidenza che la vera felicità verrà sempre dopo la sua crociata. Ha quindi accettato la solitudine come parte del suo destino, convinto di porter essere più utile alla sua causa sacrificando la compagnia femminile. Conscio che deve affrontare, Bruce non vuole che l’amore diventi l’ennesima vittima della sua guerra contro il crimine.

Vicki Vale
La macchina fotografica della fotoreporter Vicki Vale non mentiva mai, e neppure il suo ragazzo Bruce Wayne. Pur dopo molti, strazianti tentativi, Bruce non le disse mai, però, del suo alter ego Batman! Man mano che Vicki si avvicinava a lui, Bruce si ritrasse sempre più dietro la sua maschera, soffrendo in silenzio, mentre l’allontanava per sempre dalla sua vita.

Dr. Shondra Kinsolving
Bane riuscì a paralizzare Bruce, prima che potesse rivelare i suoi sentimenti al medico personale Shondra Kinsolving. Shondra, frattanto, fu rapita dal malvagio fratellastro Benedict Asp, che la costrinse ad usare per scopi malvagi le sue abilità empatiche latenti. Bruce sconfisse Asp e liberò Shondra, ma i danni subiti dalla mente della donna erano troppo gravi. La psiche di Shondra subì poi una regressione allo stadio infantile, mentre curava le ferite di Bruce.

 

 

 

Kathy Kane
Quando immaginava il proprio futuro, Bruce vedeva spesso Katy Kane (l’ex supereroina Batwoman) al centro di una vita idilliaca in cui il Cavaliere Oscuro era felicemente sposato e serenamente in pensione. Però nè Bruce nè Kathy, nè tantomeno i loro alter ego, diedero sfogo alla loro attrazione reciproca. E quando la deliziosa direttrice di circo fu uccisa da Tigre di Bronzo della Lega degli Assassini, era ormai troppo tardi.

 

Talia
Talia, figlia dell’ecoterrorista Ra’s al Ghul, si innamora di Batman, che il padre, nonostante le differenti posizioni, designa come suo erede. Ma Batman, nonostante l’attrazione per Talia, si è sempre rifiutato, rifiutando ed ostacolando i loro piani criminali.
Quando Ra’s si allea con Bane, l’uomo confidava in lui come un possibile erede e compagno per Talia, che però lo rifiuta.
Talia fa parte della Società Segreta dei Super Criminali e, disillusa dai piani del padre, lascia la lega degli assassini per supportare Lex Luthor, sia nella LexCorp che per la sua campagna elettorale per la carica di Presidente degli Stati Uniti; dietro le quinte però la donna rema contro di lui, arrivando a dare in pasto alla stampa le malefatte delle sue società. Quando Talia viene rapita dalla sorella Nyssa, che voleva vendicarsi del padre, la donna viene torturata, uccisa e risorta più volte grazie ai pozzi di Lazzaro. Comprese le ragioni della sorella, non si oppone all’uccisione di Ra’s, e arriva a ripudiare l’amore che desiderava da Batman. Quando l’immortale padre cerca di ritornare in vita attraverso Damian, figlio di Talia e Batman tenuto nascosto, la donna non esita ad opporvisi, riuscendo infine a salvare il giovane.

Silver St. Cloud
In uno spettacolo di beneficenza a bordo del suo yacht, Bruce conobbe Silver St. Cloud, un’organizzatrice di convention. Silver s’accorse subito che in Bruce c’era qualcosa di più di quanto apparisse; sospetto poi confermato quando il Cavaliere Oscuro piombò nell’Expo Center di Gotham per catturare un assassino. Silver riconobbe il corteggiatore, ma preferì confessare il suo amore a Batman in un addio straziante, piuttosto che vederlo rischiare la vita ogni notte.

Pamela Isley
Quando Poison Ivy rapinò il galà di beneficenza Danzing, Bruce si rese subito conto che la sua attrazione era più di tipo sessuale che sentimantale, e dipendeva dai seducenti feromoni di Ivy. Il primo bacio della ragazza era un veleno; il secondo un antitodo. Durante il loro primo incontro, le labbra velenose di Ivy inseminarono Bruce d’estasi tossica. Quando poi Ivy baciò il Cavaliere Oscuro morente, inconsapevolmente, guarì la sua presunta vittima, facendo sbocciare tra loro una nuova attrazione sessuale!

Julie Madison
Il primo amore di Bruce, l’aspirante attrice Julie Madison, credeva totalmente alla maschera da playboy del suo innamorato, ma sapeva che, se Bruce non si fosse deciso a mettere la testa a posto, la loro relazione sarebbe giunta al capolinea. Dopo aver posto fine al fidanzamento con Bruce, Julie si costruì una nuova vita ad Holliwood nei panni della starlet Portia Storme.

Vesper Fairchild
Proprio quando Bruce cominciava a rendersi conto della sua passione per Vesper Fairchild, DJ della WKGC e “Sirena della notte”, il grande terremoto di Gotham pose fine alla loro relazione. Vesper decise di lasciarsi alle spalle Bruce e Gotham durante il periodo della Terra di Nessuno: una decisione che rimpianse amaramente, una volta tornata nella città ricostruita. Solo il tempo ci dirà se l’amore di Bruce e Vesper toroverà una base più solida…oppure rimarrà arroccato su un terreno franoso.

 

 

 

 

Jezebel Jet

Jezebel Jet è una ex top model che ora governa un piccolo paese africano. Anche lei ha incontrato Bruce Wayne a una festa per la raccolta di fondi per beneficenza nel corso di una galleria d’arte di Londra. Ha frequentato Bruce Wayne per volere di Alfred Pennyworth, che pensava che il suo capo avesse bisogno di tornare in contatto con se stesso e il proprio costume di “Playboy”, con lo scopo di occupare qualche “colonna di gossip” sui giornali. I due si mostrarono insieme intorno alla galleria d’arte, parlando di politica e della beneficenza. Lei si rifiutò di dargli il suo numero di telefono citando la sua reputazione e il suo disinteresse a diventare una ” delle ragazze di Wayne”.
I due si riuniscono in seguito per una vacanza sulla neve. Wayne ha detto alcune bugie sul suo amore per gli “sport pericolosi”.
Nel frattempo il suo rapporto è monitorato da Talia al Ghul nel suo continuo interesse per formare una vita con Bruce Wayne e il loro figlio Damian. Il rapporto è stato anche fortemente monitorato da vari giornalisti dei tabloid che hanno riferito ogni loro mossa, speculandoci anche sopra.
Durante un evento di beneficenza il Bat-segnale è stato illuminato, portando Wayne a fingere di andare fuori rotta per andare alla sede centrale della polizia di Gotham City e occuparsi del problema. Una settimana dopo Jezebel ha incontrato Bruce al ristorante Alhambra Rooms, e durante la loro conversazione lo affrontò sulle sue sparizioni costanti e del suo comportamento misterioso. Proprio quando il rapporto sembra essere arrivato al termine Jezebel viene presa in ostaggio. Batman la salva. Jezebel dopo aver urlato una serie di accuse a Bruce Wayne, e cioè che “è un superficiale, egoista, sconsiderato, un uomo che non è mai cresciuto” capisce la sua identità. La rivelazione del suo alter-ego rafforza il loro rapporto, e quando una tregua del “supercrimine” colpisce Gotham City inizia a trascorrere più tempo con lei, anche arrivando a piedi direttamente attraverso la Batcaverna. Verso la fine della Batman R.I.P., si scopre che Jezebel Jet è stata un agente del Guanto Nero per tutto il tempo. Durante l’epilogo, lei è stata vista l’ultima volta attaccata dai pipistrelli, così il suo destino rimane sconosciuto.

Bruce Wayne

Bruce Wayne non esiste. Per molti versi, anche Bruce Wayne è morto la notte in cui i suoi genitori furono assassinati a Crime Alley, tanti anni fa. Nella mente di Bruce, da quel giorno, Batman è diventato la realtà dominante, poiché la sua sete di giustizia offusca tutti gli altri bisogni e desideri personali. Assolutamente determinato nella propria crociata, Bruce si vede unicamente come il Cavaliere Oscuro. Bruce Wayne, playboy miliardario e annoiato, ben noto a tutta Gotham City è uno specchietto per le allodole, per sviare l’attenzione dal fatto che le sue opere di beneficenza diventano ben più concrete quando il giorno cede il passo alla notte, e Batman indossa i suoi “abiti da lavoro”.

Vita di lusso

Agli occhi della gente di Gotham, Bruce Wayne pensa solamente alle auto veloci, a donne ancor più veloci e a tutti i lussi d’un magnate del jet-set.

Scapolo d’oro

Per uno sciame di starlet, sirene e donne altolocate, Bruce Wayne resterà sempre “quello che se l’è squagliata”. Anche se i paparazzi l’hanno sorpreso con bellezze seducenti come la star LaDonna Diaz o la cover-girl Lydia Granger, questo scapolo incallito, così spesso “assente per affari”, raramente conclude un appuntamento a notte inoltrata. Questo non fa che rendere più ardenti le sue corteggiatrici, ciascuna delle quali è convinta di essere lei quella che alla fine lo accalappierà.

Shock da hot dog

Mentre acquistava hot dog per un’amica affamata, Bruce (che non poteva rivelare le sue capacità di combattimento) impedì un furto accecando temporaneamente l’aspirante ladro con uno spruzzo di senape!

Mente lucida

Dietro la facciata dello scapolo miliardario dedito alla bella vita, Bruce Wayne è un astemio convinto.

Perso nella parte

Trasmettendogli la propria perizia teatrale, Alfred Pennyworth ha aiutato Bruce a indossare la maschera di focoso playboy. Ma quando Bruce si è come “perso nella parte” dopo il suo incontro con l’abbagliante Poison Ivy, Alfred ha raffreddato i bollori del suo datore di lavoro, riportandolo alla realtà con una doccia fredda.

 

 

 

 

Sul lettino dello psichiatra

Ogni tanto, il mondo di Bruce Wayne e quello di Batman entrano in collisione. Quando Bruce accettò di farsi redigere un profilo psicologico per conservare l’indennità assicurativa della WayneCorp, fece a sua insaputa il gioco di uno dei suoi nemici, che era a conoscenza della sua identità segreta. Il Professor Hugo Strange manipolò la mente di Bruce, e la maschera del miliardario e quella di Batman cominciarono a sgretolarsi!

Crisi d’identità

Mentre Strange gongolava, Batman aveva però un piano. Per far sì che il malvagio dottore nutrisse dubbi sul segreto del Cavaliere Oscuro, Bruce si constrinse a reprimere il suo altre ego, provocandosi un’amnesia parziale per dimenticare di essere Batman. Nel frattempo, Nightwing e Robin pensarono a sconfiggere Strange!