Trovata la nuova Batwoman, è Javicia Leslie: “Orgogliosa di essere nera e bisessuale”

L’attrice è stata scelta per vestire i panni (o meglio la tutina aderentissima) dell’eroina DC Comics nella serie del canale The CW, sostituendo così Ruby Rose, che aveva abbandonato il set alla fine della prima stagione

Sarà l’attrice Javicia Leslie a raccoglie l’eredità lasciata da Ruby Rose diventando così la nuova, sensuale eroina, ovvero Katherine ‘Kathy’ Webb, creata da Bob Kane e da Sheldon Moldoff nel 1956, protagonista della serie che sarà disponibile su The CW, l‘emittente tv statunitense.

Leslie sarà la protagonista della seconda stagione della serie Batwoman ma c’è di più: gli sceneggiatori hanno infatti deciso di ridare smalto al personaggio, arricchendolo di sfaccettature al passo con i tempi. La stessa attrice ha diffuso un messaggio in cui si dichiara fiera dell’ingaggio: “Sono estremamente orgogliosa di essere la prima attrice di colore a interpretare l’iconico ruolo di Batwoman in televisione e, come donna bisessuale, sono onorata di entrare a far parte di questo show rivoluzionario che ha sostenuto la comunità Lgbtq+”.

L’attrice sarà infatti Ryan Wilder, una giovane all’apparenza deliziosa, ma anche confusa e impacciata. Insomma, una donna completamente diversa dalla prima Batwoman. Il suo passato racconta infatti di un ingaggio come corriere per  una banda di narcotrafficanti, sempre in fuga dalle forze dell’ordine, incapace di seguire le regole, pericolosa. E, soprattutto, apertamente lesbica, descritta come “una ragazza atletica, passionale ma altamente indisciplinata”. Una donna sola in un mondo ostile.

Javicia Leslie, classe 1987, ha recentemente recitato nello show della CBS God Friended Me, prodotto dalla Warner Bros. Television e dalla Berlanti Productions, gli stessi attualmente impegnati su Batwoman. Tra i suoi altri impegni, anche partecipazioni a The Family Business e nel film Always a Bridesmaid. Ora il grande passo nel mondo seriale.

Fonte: [La Repubblica]

Flash e Jesse Quick erano già presenti in Batman Return

Sembra molto chiaro che si tratta di una semplice coincidenza, ma i fan del Batman interpretato da Michael Keaton hanno scovato un easter egg di Flash e Jesse Quick (velocista scarlatta e vigilante di Terra 2) in Batman – Il Ritorno.

Batman Il Ritorno

Questo dettaglio, alla luce del possibile coinvolgimento di Keaton nel DCEU, aumenta le speranza di rivedere l’attore interpretare nuovamente il Cavaliere Oscuro. Sulla nostra pagina Facebook, vi avevamo già segnalato la notizia secondo cui Michael Keaton, dopo aver interpretato Batman nei due film diretti da Tim Burton, sarebbe in trattative per tornare nei panni del Cavaliere della Notte in The Flash, la pellicola indipendente che vedrà Ezra Miller interpretare ancora una volta il super velocista di Central City dopo il cameo in Batman v Superman, Suicide Squad eJustice League

E’ chiaro che per ora i dettagli sul modo in cui il Batman di Tim Burton possa essere inserito all’interno della timeline del DCEU non sono ancora stati svelati. Una cosa è certa, da quando è iniziata a circolare la notizia, i fans più fedeli hanno deciso di rivedere i primi due film interpretati da Michael Keaton, scovando un riferimento all’uomo più veloce del mondo in Batman – Il ritorno.

Infatti, pare che durante il ballo in maschera a cui partecipano Bruce Waye (M. Keaton) e Selina Kyle  (Michelle Pfeiffer), sullo sfondo è possibile vedere una comparsa che è palesemente mascherata da Jay Garrick. la prima incarnazione nei fumetti di Flash che, dopo avere inalato i vapori dell’acqua pesante, diventa l’uomo più veloce del mondo, indossando un costume rosso, blu e giallo, con stivaletti ed elmetto ornato ai lati da due ali come il dio Mercurio. La comparsa in questione ha anche una partner, che indossa un cappuccio e una maschera rossa, un costume che sembra ricordare quello del personaggio di Jesse Quick, ovvero Liberty Belle, figlia dell’eroe della Golden Age Johnny Quick e di Liberty Belle dai quali ha ereditato il potere della velocità.

Flash in Batman – Il Ritorno

La possibilità che il regista Tim Burton abbia inserito il Flash della Golden Age perché fan del personaggio oppure più semplicemente perché i costumisti Bob Ringwood e Mary E. Vogt abbiano pensato che sarebbe stato un divertente easter egg da inserire. Comunque sia andata, il riferimento merita menzione, soprattutto in vista del debutto del Batman di Keaton nel DCEU. Ecco l’estratto del film che mostra l’easter egg nel dettaglio, grazie al sito ComicBookMovie:

FONTE [Comicbookmovie.com]

Batman 251: la cover di Neal Adams battuta all’asta per 600mila dollari

L’iconica copertina di Batman 251 disegnata dal maestro Neal Adams è stata venduta all’asta sul rinomato sito Heritage Auctions per il prezzo di 600.000 dollari (comprensivo dei diritti d’asta).

La vendita è avvenuta in data 21 Novembre 2019.

La cover rappresenta uno dei pezzi più prestigiosi e ambiti di original comic art del fumetto americano. E’ tra le copertine più celebri disegnate da Neal Adams.

Ed è, al tempo stesso, una delle più famose di Batman di sempre.

La run su Batman di inizio anni settanta a cura Denny O’Neil e Neal Adams è uno dei massivi vertici qualitativi raggiunti dal supereroe della DC Comics nella sua lunga vita editoriale. Abbiamo avuto la fortuna di poter incontrare l’autore lo scorso anno durante il Lucca Comics and Games edizione 2018 (qui il nostro reportage video della sua mostra). Qui sotto una foto di archivio.

Accantonando la versione ‘leggera’ che aveva contraddistinto il personaggio in fumetti e serie tv anni sessanta, ha settato lo standard per ogni futura storia dell’eroe negli anni a venire.

In questo contesto, si inserisce Batman 251, datato 1973: probabilmente l’apice di quella run, con un confronto tra Batman e il Joker entrato nella leggenda.

Ecco l’immagine della copertina oggetto della vendita, tratta dal sito Heritage Auctions.

Per ogni altra vostra curiosità, vi rimandiamo al nostro approfondimento sul fumettista suddiviso in due parti: qui e qui.

 

HBO Max sta sviluppando una serie tv su Blue Beetle

Blue Beetle è tra gli eroi secondari più amati dai fan DC Comics, e presto potremmo vedere finalmente una serie a lui dedicata. Sembra infatti che HBO Max stia lavorando al progetto.

Un nuovo report suggerisce che una serie basata su Jaime Reyes / Blue Beetle potrebbe essere in fase di sviluppo presso HBO Max. Secondo Daniel Richtman, il servizio di streaming sta sviluppando una serie basata sul personaggio di DC Comics, ma al momento non sono stati forniti altri dettagli.

Non sarebbe la prima volta in cui il personaggio vedrebbe la luce in live action, che è già apparso in Smallville, mentre è ricorrente in alcune serie animate come, Batman: The Brave and the Bold, Young Justice, DC Superhero Girls  e  Justice League Action.

Nel 2018 iniziarono a circolare rapporti secondo cui un film incentrato sul giovane eroe era in fase di sviluppo per il DCEU con una sceneggiatura di Gareth Dunnet-Alcocer. Tuttavia, da allora non ci sono stati aggiornamenti.

Presentato nei fumetti durante la Crisi Infinita del 2006 e creato dagli scrittori Keith Giffen e John Rogers e dall’artista Cully Hamnerthe, l’incarnazione del Blue Beetle di Jaime Reyes ha rapidamente sviluppato un seguito di fan devoti. Il personaggio ha una vasta gamma di superpoteri grazie a uno scarabeo alieno incorporato nel suo corpo.

Fonte: [Nerdpool.it]

 

Le serie HBO MAX per DC Comics

Nel corso della presentazione ufficiale, in cui è stata confermata l’uscita della piattaforma per il maggio del 2020, è stata annunciata ufficialmente una serie TV live action dedicata a Lanterna Verde, che verrà prodotta da Greg Berlanti in collaborazione con Warner Bros. Sotto le prime dichiarazioni ufficiali: Sarà la serie DC più grande mai realizzata, andremo nello spazio con questa serie dedicata a Lanterna Verde, ma non posso rivelare altro.”

Al momento non sappiamo quale versione di Lanterna Verde vedremo nella serie, ma presumibilmente questo progetto non dovrebbe preso il posto di Green Lantern Corps, film in lavorazione con la sceneggiatura di Geoff Johns.

Berlanti e altri progetti

Greg Berlanti produrrà due serie tratte dai fumetti DC per la piattaforma streaming: la prima sarà l’adattamento di Lanterna Verde, mentre la seconda sarà Una serie antologica intitolata Strange Adventures.

Strange Adventures, che viene descritta come una serie antologica supereroistic da 1 ora per episodio, che includerà personaggi provenienti dall’intero Universo DC che incroceranno le loro vite con quelle dei comuni mortali.

Secondo quanto sostengono le fonti di Variety, la serie era addirittura già in sviluppo per DC Universe, ma alla fine è passata a HBO Max. Greg Berlanti, Sarah Schechter e lo showrunner/scrittore John Stephens saranno i produttori esecutivi. Questo potrebbe testimoniare il passaggio dell’intera piattaforma DC in HBO Max

Berlanti, che ha un accordo di produzione con la Warner Bros. TV del valore di 400 milioni di dollari e produce il numero record di 21 serie originali live action su sette piattaforme diverse; ha dichiarato che “Entrambe saranno serie mai viste prima in televisione“.

Delle 21 serie prodotte da Berlanti, quattro saranno per HBO Max, compreso The Flight Attendant con Kaley Cuoco e la docuserie Equal. Inoltre per la piattaforma produrrà quattro film tv. Ci sono poi Katy Keene, Batwoman, Arrow, The Flash, Supergirl, Black Lightning, Legends of Tomorrow, Riverdale All American (The CW); Prodigal Son (FOX); Blindspot (NBC); God Friended Me (CBS); Titans, Doom Patrol Stargirl (DC Universe); You, Chilling Adventurs of Sabrina The Girls on the Bus (Netflix).

DC Superhero High

Il terzo progetto legato alla DC si intitola DC Super Hero High; una teen comedy di 30 minuti a episodio che verrà prodotta da Elizabeth Banks. La serie avrà per protagonisti alcuni dei supereroi più celebri in versione adolescenziale negli anni del college.

DC Super Hero High seguirà un gruppo di studenti che sperimentano il divertimento e il dramma dell’adolescenza in un college per persone con poteri. Questi ragazzi stanno solo cercando di superare le pressioni del liceo, ma nessuno di loro si rende conto che un giorno diventerà un leggendario eroe.”

Max Handelman (Shrill, Pitch Perfect) sarà il produttore esecutivo della serie, che verrà scritta da Scott Weinger (Le amiche di mamma), John D. Beck (Disjointed, Fuller House) e Ron Hart (Disjointed, La vita secondo Jim).

https://i1.wp.com/batman-news.com/wp-content/uploads/2019/03/DC-Super-Hero-Girls-at-Metropolis-High-Featured.jpg?fit=1200%2C675&quality=80&strip=info&ssl=1&resize=436%2C300

La piattaforma streaming di HBO Max debutterà negli Stati Uniti a maggio 2020.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo DC Comics.

Fonte: [NerdPool.it] 

Burt Ward ottiene la sua stella sulla Hollywood Walk of Fame

Robin è il supereroe più recente dell’universo DC a festeggiare gli 80 anni di pubblicazione, seguendo le orme dei pilastri della casa editrice statunitense come Superman, Batman e Wonder Woman. Quasi ad 80 anni precisi dalla sua prima apparizione in Detective Comics 38, testata nella quale lo stesso Cavaliere Oscuro ha visto le sue origini, risalente al 6 marzo 1940. Se Superman è stato, a tutti gli effetti, il primo eroe diverso dal solito, con poteri mai visti prima, Batman ha ricoperto il ruolo di detective tenebroso, abile nelle arti marziali, con un’infinità di dispositivi per combattere il crimine, e Wonder Woman è stata la prima grande eroina, nonché una delle prime creazioni della DC.

Di fronte a questi mostri sacri dell’ambiente fumettistico Robin è apparso come aiutante, un compagno con il quale il supereroe avrebbe intrapreso numerose avventure. Nel corso degli anni queste figure di “sidekick” hanno acquisito sempre maggiore importanza e, come nel caso di Robin, si sono successivamente distaccati per poi divenire i veri protagonisti nelle testate loro dedicate.

Giovedì 9 Gennaio 2020 è diventato ufficiale: Burt Ward ha la sua stella sulla Hollywood Walk of Fame, unendosi al suo compianto collega Adam West.

Questo il video dei festeggiamenti:

Alla cerimonia hanno partecipato fan, cosplayer e celebrità – come gli ex-allievi di Batman ’66 Lee “Catwoman” Meriwether, Sivi “Undine” Aberg, Terry “Venus” Moore e Sharyn “Eenie” Wynters.

Date un’occhiata a questi frame:

Burt parla con il “cast” di Batman ’66

Il cosplayer di Robin Alex Zsolt e Ward

Zsolt e Ward

Tracy e Burt Ward

DC: The Trench, annunciato lo spin-off horror di Aquaman

Il cinecomic del DC Extended Universe con protagonista Jason Momoa avrà presto uno spin-off dedicato ai villain della pellicola. I protagonisti? Le inquietanti creature acquatiche che nel film di James Wan attaccano i protagonisti. Sarà uno spin-off in salsa horror

Da Superman a Batman v Superman, da Justice League a Wonder Woman, il DC Extended Universe ci ha insegnato che quando una pellicola fa incetta di consensi al botteghino, merita di tornare sul grande schermo. Così, dopo l’inatteso incasso record messo a segno da Aquaman con un miliardo e 120 milioni di dollari, che gli valgono il titolo di film DC più visto di tutti i tempi, la Warner Bros. mette in cantiere uno spin-off horror del film interpretato da Jason Momoa.

 

Lo spin-off di Aquaman

Di un sequel diretto di Aquaman non si è ancora parlato, ma stando alle indiscrezioni pubblicate dall’Hollywood Report, prende largo l’idea di uno spin-off: la Warner Bros. avrebbe ingaggiato gli show-runner Noah Gardner e Aidan Fitzgerald per scrivere una sceneggiatura in salsa horror incentrata sulla Fossa e i suoi abitanti, le micidiali creatura marine che in Aquaman abbiamo visto mettere i bastoni fra le ruote al Re di Atlantide e alla sua compagna, Mera. Il film, intitolato The Trench, sarebbe prodotto da James Wan e Peter Safran e, secondo le prime indiscrezioni, avrebbe un budget molto più modesto rispetto alla media dei film DC sui supereroi. Nel cast non ci saranno, invece, Jason Momoa e gli altri attori di Aquaman.

La Fossa di Aquaman

Protagonisti dello spin-off di Aquaman, stand-alone su Arthur Curry , saranno i mostri marini visti nel film di successo: le mostruose creature subacquee vivono in una fessura sul fondo dell’Oceano e sono relativamente recenti, avendo visto la luce per la prima volta sulle pagine dei fumetti nel 2011 ad opera di Geoff Johns. La Fossa e le sue creature in origine facevano parte del regno di Atlantide, ma quando questo è affondato, esse sono finite nel fondo degli abissi trasformandosi in mostri famelici: i Trench sono fra i popoli sopravvissuti, insieme agli Xebeliani di Nereus e agli Atlantidei di Re Ori, di cui fa parte lo stesso Aquaman. La loro particolarità? Sono dotati di famelici denti aguzzi, che con il morso provocano la paralisi degli umani.

Uno spin-off per Aquaman: parola a James Wan

Non c’è alcuna conferma ufficiale dello spin-off, tuttavia il regista James Wan lascia spazio a qualche speranza su Twitter, dove rispondendo al commento di alcuni utenti scrive: “Durante le prime fasi della pre-produzione, mi sono innamorato della Fossa e del suo design. Segretamente, speravo di poter esplorare maggiormente questo mondo”. Che The Trench sia l’occasione giusta per Wan? Se così fosse, c’è da scommettere su una vera pellicola al cardiopalma: il regista è infatti uno dei più grandi e rispettati nomi del cinema horror, avendo diretto i film L’evocazione – The Conjuring e il sequel The Conjuring – Il caso Enfield, oltre a Saw Insidious. Portarlo a bordo di uno spin-off simile vorrebbe dire terrore assicurato.

Vi lasciamo con il doppiatore di Jason Momoa, Francesco De Francesco, il quale durante l’anteprima del film Aquaman ci ha lasciato il suo saluto.

Fonte [SkyTg24]

Trailer ufficiale di Birds Of Prey e un tributo grafico speciale

Avete mai sentito la storia della poliziotta, dell’uccello canterino, della psicopatica e della principessa mafiosa?Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)”  è una storia contorta raccontata dalla stessa Harley, come solo lei sa fare. Quando il malvagio narcisista di Gotham, Roman Sionis, e il suo zelante braccio destro, Zsasz, prendono di mira la piccola Cass, la città viene messa sotto sopra per trovarla. Le strade di Harley, Huntress, Black Canary e Renee Montoya si incrociano, e l’improbabile quartetto non ha altra scelta che allearsi per sconfiggere Roman.

In “Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)” della Warner Bros. Pictures, Margot Robbie (“Tonya”) torna a vestire i panni di Harley Quinn, al fianco di Mary Elizabeth Winstead (“10 Cloverfield Lane”, “Fargo” in TV) nel ruolo di Huntress; Jurnee Smollett-Bell (“True Blood” della HBO) nei panni di Black Canary; Rosie Perez (“Fearless- Senza paura”, “Pitch Perfect 2”) in quelli di Renee Montoya; Chris Messina (“Argo”, “Sharp Objects” in TV) è Victor Zsasz; ed Ewan McGregor (“Doctor Sleep”, i film “Trainspotting”) è Roman Sionis. Fa il suo esordio sul grande schermo Ella Jay Basco, nel ruolo di Cassandra “Cass” Cain.

Diretto da Cathy Yan (“Dead Pig”) da una sceneggiatura di Christina Hodson (“Bumblebee”), il film è basato sui personaggi della DC Comics. Margot Robbie ha anche prodotto la pellicola assieme a Bryan Unkeless e Sue Kroll. I produttori esecutivi del film sono Walter Hamada, Galen Vaisman, Geoff Johns, Hans Ritter e David Ayer.

La squadra creativa che ha affiancato Cathy Yan dietro le quinte è composta dal direttore della fotografia Matthew Libatique (“A Star Is Born”, “Venom”); lo scenografo K.K. Barrett (“Lei”); i montatori Jay Cassidy (“American Hustle – L’apparenza inganna”, “Il lato positivo – Silver Linings Playbook”) ed Evan Schiff (“John Wick – Capitolo 2” e  “John Wick 3 – Parabellum”); e la costumista Erin Benach (“A Star Is Born”). Musiche di Daniel Pemberton (“Spider-Man: Un nuovo universo”).

La disegnatrice Simona Barone, della Scuola Romana dei Fumetti, ha realizzato un tributo grafico al personaggio di Harley Quinn che volentieri condividiamo con voi.

 

Warner Bros. Pictures presenta una produzione Lucky Chap Entertainment / Clubhouse Pictures / Kroll & Co. Entertainment, “Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn), la cui uscita nelle sale italiane è prevista per il 6 febbraio 2020. Il film sarà distribuito da Warner Bros. Pictures.

The Batman – Come potrebbe essere la sua armatura

Il The Batman di Matt Reeves, seppur ancora avvolto nel mistero, si concentrerà sull’evoluzione del protagonista, elevandolo ad una versione dark inedita per l’iconico supereroe, che si muoverà risolvendo crimini e cacciando criminali: “Si tratta di una storia noir focalizzata sul punto di vista di Batman – dice Reeves – Vedremo Batman nella sua versione da detective, più di quanto lo abbiamo visto in qualsiasi altro film. I fumetti sono colmi di storie del genere, in quanto lui dovrebbe essere il più grande detective del mondo, ma questa componente non ha sempre fatto parte dei film precedenti. Sarà al contempo elettrizzante ed emozionante”.

batmannoel_imgevid

Diverso tempo fa erano circolate in rete alcune voci che sostenevano che il costume che Robert Pattinson avrebbe sfoggiato nell’attesissimo The Batman sarebbe stato molto simile all’iconico costume blue e grigio ideato da Jim Lee. Adesso Kris Tapley, ex giornalista di Variety, ha rivelato attraverso un tweet – poi cancellato – che l’abito che l’ex star della saga di Twilight sfoggerà nel film di Matt Reeves in arrivo nel 2021 sarà molto diverso da ciò che i fan si aspettano.

Stando a quanto dichiarato da Tapley, il costume che Robert Pattinson indosserà in The Batman sarà ispirato ai disegni del fumettista statunitense Lee Bermejo, che durante la sua carriera ha lavorato diverse volte ai fumetti con protagonista il Crociato di Gotham. Si tratta di un tipo di look che, seppur non così ampiamente conosciuto come quello di Frank Miller o di Jim Lee, è da anni il preferito di molti fan: si tratta di un costume da mercenario, molto più resistente e robusto, probabilmente immaginato per una tipologia di Cavaliere Oscuro più tattica.

Fonte: [cinefilos.it]

The Joker e il tragico finale alternativo

A pieno titolo, Kevin Smith,  è un cineasta molto prolifico coinvolto in tutti gli aspetti dalla produzione alla scrittura, dalla recitazione alla regia dei film. Smith è da sempre un appassionato fan dei fumetti e ha lavorato su una varietà di progetti per adattare i fumetti al cinema. Nel 1996, Smith ha lavorato a una sceneggiatura per Superman Lives il film di DC che non è mai uscito. Nel corso degli anni, Smith è diventato un appuntamento fisso nel mondo dei fumetti DC e uno dei maggiori esperti di Batman. Kevin Smith ha anche scritto Batman: Cacofonia in cui tutto sembra essere una specie di gioco e il Joker di Smith mostra perfino tratti di omosessualità nemmeno troppo velati. Si tratta di una storia con dialoghi pungenti e ironici, un po’ al limite del paradossale e piena di situazioni spassose, per cui, quanto si appresta a rivelare sul film Joker, potrebbe essere abbastanza attendibile.

Joker_imgevid

Secondo quanto riportato dal sito screenrant.com, Kevin per il film Joker aveva previsto un finale alternativo ancora più sconvolgente di quello originale. Ha infatti spiegato che: “All’inizio il finale di Joker era diverso. Arthur si trovava sempre in ospedale mentre rideva e rispondeva alla domanda ‘Stavo pensando ad una cosa divertente’”. In seguito arriva il colpo di scena: “Da lì, un flashback avrebbe portato a mostrarci il brutale omicidio di Thomas e Martha Wayne uccisi proprio per mano di Arthur, mentre il piccolo Bruce piangeva. Quindi Arthur si sarebbe girato e avrebbe ucciso anche Bruce!” Sull’assenza di Batman il commento è molto colorito: “Ma che caz*o, in questo modo Batman non sarebbe mai esistito”. Ha poi aggiunto: “Quando un film incassa un miliardo di dollari e ne è costati solo una sessantina, ovviamente si ragiona su un sequel. Ma Joaquin e io non abbiamo ancora veramente deciso a riguardo. Siamo aperti a parlarne”. Continuando il discorso sembra davvero molto concreta la possibilità: “Voglio dire: mi piacerebbe moltissimo lavorare con lui a qualsiasi cosa, francamente. Quindi chi lo sa? Ma dovrebbe essere un film tematicamente rilevante proprio come il primo, che è incentrato su un trauma infantile e sull’assenza di amore ed empatia”. Logicamente si dovrebbe puntare su aspetti che diano seguito al primo capitolo: “Tutte queste cose, per noi, hanno fatto funzionare il film, quindi dovremmo avere di tematicamente comparabile”.

Poster film Joker 2019

Poster film Joker 2019

Approfittiamo per comunicarvi che il film sarà disponibile nei prossimi giorni e sarà così distribuito:
* 16 gennaio 2020 disponibile per l’acquisto in digitale su Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMvision, Chili, Rakuten TV, PlayStation Store, Microsoft Film & TV;
* 30 gennaio 2020 disponibile anche per il noleggio;
* 6 febbraio 2020 in formato DVD, Blu-Ray e 4K